Pubblicato il: mar, Giu 20th, 2017

Atti vandalici al Rifugio Boccalatte-Piolti alle Grandes Jorasses

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Pubblichiamo integralmente questo articolo apparso sul sito del Cai Torino a firma di Roberto Mantovani. Propio ieri riportavamo la notizia dell’apertura dello storico Rifugio alle Grandes Jorasses con l’intevista al gestore Perlotto. Il Cai Torino, sulla sua pagina Facebook scrive:

Abbiamo scelto di non dire nulla prima, per evitare polemiche e rovinare la festa di riapertura del Rifugio Boccalatte Piolti alle Grandes Jorasses. Abbiamo scelto di rimboccarci le maniche, riparare i danni e scommettere ancora una volta sul buon senso delle persone.

boccalatte

Danni. Danni per il puro gusto dello sfascio. A detrimento di fosse biologiche e di altri locali del Rifugio Boccalatte-Piolti, che svetta a quota 2803 su un isolotto incastrato tra i ghiacciai di Planpincieux e delle Grandes Jorasses. Una follia, se pensiamo al luogo, alla posizione e all’altitudine. Una profanazione, se pensiamo alla storia. Un non senso, se si riflette sul fatto che quel nido d’aquila, costruito nel 1881 nel luogo in cui lo avrebbe desiderato niente meno che Edward Whymper, tornato in funzione (e gestito) solo dal luglio del 2016 dopo sette anni di chiusura, è l’unica struttura a disposizione degli alpinisti che rientrano dalla scalata della parete nord delle Grandes Jorasses. Un’oasi nel nulla che può rappresentare la salvezza per quanti riescono a varcarne la soglia dopo molte ore di fatica e con la spia della riserva accesa da un pezzo.

Ed è difficile, anche tirando in ballo tutto il buonismo possibile, trovare una giustificazione a un’azione così incommensurabilmente stupida. Tanto più che è difficile pensare che l’autore (o gli autori) di un comportamento tanto meschino sia rintracciabile tra i soliti ignoti, vandali per noia e in carenza di bravate di grossa caratura. Per salire lassù, infatti, occorre sciropparsi un avvicinamento alpinistico e tre ore e mezza di fatica. Ecco perché ha poco senso cercare i colpevoli in qualche improbabile categoria di frequentatori estemporanei. Ed per questo che fatti del genere appaiono ancora più gravi e senza senso. La rovina di un bene comune per eccesso di stupidità non ha giustificazioni. Nel caso specifico, inoltre, un’azione del genere non comporta solo lesioni a parti di una struttura ristrutturata di recente con grande dispendio di energia e di fondi della Sezione, ma può causare disagi a frequentatori che utilizzano il rifugio per necessità, e non per farsi le vacanze a sbafo della comunità alpinistica.

Sappiamo bene che stupidità e ignoranza di quanti causano danni agli altri senza realizzare nessun vantaggio per se stessi sono una piaga antica quanto l’umanità. Anzi, purtroppo sono una costante, e continuano a entrare in scena in continuazione. Qualcuno dice che gli stupidi sono le persone più pericolose che esistano. L’affermazione non fa una grinza, ed è importante non prenderla sotto gamba e ricordarsi che, in mancanza di riprovazione sociale, certi comportamenti tendono a reiterarsi e a spargere contagio.

Ad ogni buon conto, nel momento in cui scriviamo tutti i problemi sono stati risolti e Franco Perlotto, il gestore, ha riaperto il rifugio per la nuova stagione alpinistica in alta quota. Sempre con il solito ottimismo e con la convinzione che il Rifugio Boccalatte-Piolti possa continuare a fornire un contributo al mondo alpinistico che ruota intorno alla catena del Monte Bianco. D’estate, ovviamente, ma anche d’inverno, perché – e questa è una bella novità – il CAI Torino è da tempo al lavoro per rendere il rifugio fruibile anche nella stagione fredda.

fonte: Roberto Mantovani – www.caitorino.it

© 2017, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*