Pubblicato il: gio, Lug 7th, 2016

Boschi come giungle, Coldiretti in piazza

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Migliaia gli agricoltori scesi in piazza a Trento per difendere i boschi italiani 

Una donna anziana tra le bandiere gialle della Coldiretti durante la manifestazione in piazza Montecitorio, Roma, 20 luglio 2010. ANSA/MASSIMO PERCOSSI/GID

foto: ANSA/MASSIMO PERCOSSI/GID

Sono migliaia gli agricoltori scesi in piazza a Trento per difendere i boschi italiani che a causa del degrado e dell’abbandono sono diventati vere giungle ingovernabili in preda ai piromani con rischi per l’ambiente e la stabilità idrogeologica.

L’Italia – spiega la Coldiretti, nel capoluogo trentino in occasione del Tour 2016 – non è mai stata così ricca di boschi, ma a differenza del passato si tratta di aree senza alcun controllo e del tutto impenetrabili ai necessari interventi di manutenzione e difesa mettendo a rischio la vita delle popolazioni locali. Una situazione insostenibile per boscaioli e agricoltori che per la prima volta si sono dati appuntamento a Trento in Trentino Alto Adige, scelto perché ha oltre la metà del territorio coperto dai boschi, per chiedere di trasformare i rischi in opportunità e valorizzare il potenziale ambientale, economico ed occupazionale del bosco in un Paese che importa l’80% del legno che utilizza.

fonte: ansa

© 2016, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*