Pubblicato il: gio, Ago 6th, 2015

Caldo, chiusa nuovamente la via normale francese al Monte Bianco

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Chiuso dalle 16 di oggi il rifugio del Gouter (3.835 metri), lungo la via normale francese di ascesa al Monte Bianco. L’itinerario infatti da ieri sera è stato nuovamente classificato come “fortemente sconsigliato” dalla prefettura dell’Alta Savoia e dal sindaco di Saint-Gervais

refuge-du-gouter

 

>>> aggiornamenti

 

Chiude dalle 16 di oggi il rifugio del Gouter (3.835 metri), lungo la via normale francese di ascesa al Monte Bianco. L’itinerario infatti da ieri sera è stato nuovamente classificato come “fortemente sconsigliato” dalla prefettura dell’Alta Savoia (Francia) e dal sindaco di Saint-Gervais. Il ritorno del caldo in quota sta provocando “nuove importanti cadute di pietre” dall’Aiguille du Gouter, area a valle del rifugio, che per lo stesso motivo era già stato chiuso dal 19 al 30 luglio scorso.

 

*******************************************************

 

In un comunicato stampa, Georges-François Leclerc, prefetto della Haute-Savoie e Jean-Marc Peillex, sindaco di Saint-Gervais, hanno annunciato questa mattina la riapertura del rifugio du Gouter, passaggio indispensabile della normale al Monte Bianco.

“La lunga ondata di caldo che il nostro territorio è ora terminata ed ora si può parlare di condizioni meteorologiche normali di questa stagione”, hanno detto i funzionari.

Essi, tuttavia, ricordano che serve comunque prudenza e che la via è percorribile solo da alpinisti esperti o con una guida “, ma che non vi era alcuna necessità di rinviare la salita Monte Bianco per la via normale.

Chiuso dal 19 luglio, il famoso rifugio sarà quindi riaperto da oggi venerdì 31 luglio a mezzogiorno.

La decisione delle autorità francesi arrivò dopo gli ultimi casi di cronaca: due le vittime in quei giorni. Un alpinista francese, travolto dai sassi nel canale del Gouter, e uno svedese, precipitato sul Brévent. Principalmente lo zero termico a 4.500 metri causava lo scioglimento del ghiaccio che tiene assieme le pietre instabili, provocando pericolose scariche.

In Italia, per lo stesso motivo, resta tuttora chiusa la via normale al Cervino.

 

© 2015, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox