Pubblicato il: dom, Gen 28th, 2018

Elisabeth Revol a Islamabad. Il Video

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

AGGIORNAMENTO (28/01/2018 ORE 16:16)

REVOL

La foto postata da Adam Bielecki sulla sua pagina Facebook. E scrive: Era impossibile. Insieme a Elizabeth Revol e Denis Urubko alla base della parete Diamir. Sono stanco, ma molto felice. Grazie per tutte le vostre parole affettuose. Scusate, ma non abbiamo avuto la possibilità di aiutare Tom

AGGIORNAMENTO (28/01/2018 ore 14.15)

Il video con Elisabeth Revol appena atterrata ad Islamabad dopo l’odissea sul Nanga Parbat.

AGGIORNAMENTO (28/01/2018 ore 11.30)

Ora possiamo dirlo: Elisabeth Revol è salva. Poco fa gli elicotteri sono partiti dal campo base. La francese elitrasportata in ospedale ad Islamabad, da dove nel più breve tempo possibile partirà per la Francia. I quattro alpinisti stanno facendo ritorno al campo base del K2.

Per Mackiewicz non c’è niente da fare. Il team ha cercato sino alla fine di fare qualcosa. Nelle ultime ore si è cercato di far partire un elicottero ma i piloti hanno ribadito che oltre i 6.000 non si sale. E, per di più, nel pomeriggio è prevista neve.

Intanto prosegue la raccolta fondi (QUI). In due giorni con oltre 4.000 donazioni sono stati raccolti  quasi 100mila euro per far muovere la macchina dei soccorsi. Il canale per le donazioni resterà aperto per dare una mano alla famiglia di Mackiewicz.

AGGIORNAMENTO (28/01/2018 ore 10:20)

Arrivati al campo base. Revol e i soccorritori/alpinisti sono arrivati al cb in elicottero. Finalmente!

AGGIORNAMENTO /28/01/2018 ore 10:05)

Elisabeth Revol sta continuando a scendere con Urubko e Bielecki. Ormai sono ai 5.200/5.100 mt. Gli elicotteri stanno per arrivare ma il meteo è in progressivo peggioramento. Bisogna fare in fretta.  Si spera possano salire sin dove sono stati lasciati ieri i due alpinisti del team polacco al K2. Per il campo base manca ancora tanto. Nel caso i velivoli non possano salire a quella quota dal campo base partirà una squadra di portatori per recuperare la Revol dove attenderanno gli elicotteri per elitrasportarla in ospedale.

AGGIORNAMENTO (28/01/2018 ore 6:35)

Gioia e dolore dal Nanga Parbat. L’Ambasciata polacca in Pakistan ha organizzato per stamattina alle 10:00 un elicottero per portare Elisabeth Revol e i quattro alpinisti a Skardu. Da qui la francese sarà trasportata all’ospedale di Islamabad mentre i membri del soccorso al campo base del K2. I tre stanno scendendo velocemente sul muro della Kinshofer. Ora si trovano a circa nei pressi di c1. Anche gli altri due polacchi stanno salendo sulla montagna per aiutare i compagni a scendere Revol. Revol ha bisogno di cure immediate.  Gli elicotteri, stando alle ultime news, starebbero per arrivare al campo base del Nanga Parbat e attenderanno la discesa degli alpinisti. L’opera di Urubko e Bielecki è titanica. Si sono offerti volontari e in 7 ore hanno macinato oltre 1.000 metri sul Nanga, sulla Kinshofer. Di notte. In inverno. Su una via tecnica. Una corsa contro il tempo. L’hanno raggiunta e trovata. Si sono riposati un’oretta (senza tenda) e di nuovo in parete per portarsi tutti in salvo.

Per Tomek Mackiewicz niente da fare. Le condizioni meteorologiche impediscono un ulteriore salvataggio. Impossibile risalire, significherebbe mettere a serio rischio anche la vita dei soccorritori. Impensabile che il polacco, seppur ancora vivo, possa scendere da solo e salvarsi. Speriamo nell’impossibile! Sta lì a 7.200 metri solo, non ci vede, ha congelamenti e chissà cos’altro. Mackiewicz, 42 anni e padre di tre figli, aveva un sogno: si chiamava Nanga Parbat. Alla fine l’ha coronato ma su quella montagna…. Ben 7 volte ha tentato di salirci.

Ha trascorso la sua infanzia a Działoszynie. E a scuola a Częstochowie. Poi la passione per il viaggio, l’avventura. L’India nel cuore. Ha insegnato inglese per i  bambini lebbrosi. Il suo un alpinismo puro, genuino, veloce. Lontano da pubblicità e marketing, il denaro per le sue spedizioni tramite il crowdfunding. Ha trascorsi da tossicodipendente ed è stato in cura al centro Monar. Per due volte sposato, tre figli.

mackiewicz

AGGIORNAMENTO (27/01/2018 ore 22:05)

Trovata! Raggiunta! La notizia arriva dalla spedizione polacca al K2. Urubko e Bielecki sono in questo momento con Elisabeth Revol. Due macchine da guerra, due grandissimi. Che in circa sette ore hanno salito, di notte, la Kinshofer (oltre 1.000 metri). Seguiamo ora la fase di salvataggio verso valle (al campo inferiore li attendono gli altri due componenti della squadra di soccorso con medicinali e quant’altro) e sperando che l’elicottero possa salire quanto più in alto e il meteo non ci si metta di mezzo. C’è da salvare Mackiewicz.

AGGIORNAMENTO (27/01/2018 ore 21:12)

Nonostante il buio, il freddo a -40° Urubko e Bielecki continuano la loro corsa forsennata. Ormai sono al limite del muro Kinshofer sui 6.000 circa. Revol, come ha messaggiato lei stessa, piano piano sta scendendo. Ormai li separano poche centinaia di metri di dislivello. Se non di meno. Hanno macinato più di 1000 metri di dislivello in pochissimo tempo. Una pagina memorabile, drammatica dell’alpinismo himalayano si sta consumando in queste ore sul Nanga Parbat. Si spera che nel più breve tempo possibile i due possano raggiungere la francese e iniziare la discesa sino dove possano salire gli elicotteri. La macchina dei soccorsi è pronta per accogliere l’alpinista francese. Subito in volo per l’ospedale di Islamabad e poi, come lei ha sottolineato, vuole tornare nel più breve tempo possibile in Francia per farsi curare. Ricordiamo che Revol ha congelamenti alle estremità degli arti, soprattutto al piede sinistro.

Ma il problema è anche il meteo. Le previsioni portano peggioramento, con nuvolosità e nevicate.

Nessuna notizia per quanto riguarda Mackiewicz. Situazione che diventa sempre più critica per il polacco.

AGGIORNAMENTO (27/01/2018 ore 18:15)

I soccorritori sono sulla montagna già da un po’. E salgono veloci. E’ una corsa contro il tempo. Dei quattro prelevati dal campo base del K2 solo due al momento sono in azione, Urubko e Bielecki. L’elicottero li ha lasciati a 4900 (più o meno dove viene piazzato campo 1) e in poco più di un’oretta sono saliti a 5.800. Temperatura -40 gradi. E’ notte. Nel frattempo Elisabeth Revol si è rimessa in cammino, sta scendendo lentamente. Gli altri due polacchi sono a campo 1 a 4.900 metri. Di Mackiewicz nessuna notizia. E’ solo, nella tenda. Urubko e Bielecki per giungere dalla Revol ci impiegheranno, con la loro andatura, anche se là sopra le cose si fanno più difficili, altre ore. Per di più è buio.

Le notizie meteo non sono delle migliori. Previsti peggioramenti, anche nevicate.

 AGGIORNAMENTO (27/01/2018 ore 12:50)

Revol e Mackiewicz, stando alle notizie che arrivano dall’entourage della francese, ieri hanno raggiunto la vetta del Nanga Parbat. Entrambi. I problemi sarebbero sopraggiunti sulla via di discesa. La volevano a tutti i costi quella cima! Ci hanno provato, riprovato… Notizia, ovviamente, da verificare e che passa in secondo, ultimo, piano considerato il delicato momento.

Intanto i soccorsi sono quasi giunti al cb del Nanga Parbat. Si tenterà di salire quanto più in quota possibile per risparmiare tempo e raggiungere la francese. La logica porta a supporre che due alpinisti del team polacco al K2 a quel punto ridiscendano al cb con la Revol e altri due salgano per recuperare Mackiewicz. Staremo a vedere, incrociando le dita.

AGGIORNAMENTO (27/01/2018 ore 12:00)

Il meteo è stato clemente, dopo un primo tentativo fallito a causa delle nuvole gli elicotteri sono riusciti ad arrivare al campo base del K2 ed hanno prelevato la squadra di soccorso. A capo della spedizione Denis Urubko e Adam Bielecki, con loro Piotr Tomala e Jaroslaw Botor (tutti volontari), tra poco saranno al campo base del Nanga Parbat ed iniziare le operazioni di salvataggio di Tomek Mackiewicz ed Elisabeth Revol.  Forse un altro elicottero con pakistani a bordo si aggiungerà alla squadra di soccorso.

soccorso k2 elicottero

(Foto: Asghar Ali Porik; wspinanie.pl)

AGGIORNAMENTO (27/01/2018 ore 8:35)

Elisabeth Revol è viva. E questa è la buona notizia di primo mattino. La francese stamattina ha messaggiato che ha problemi di congelamento alle estremità degli arti ma non è in ipotermia. Il problema maggiore riguarda il piede sinistro. Ma dal suo messaggio si intuisce che è vigile. Ha detto che tenterà di scendere ancora.

Intanto gli elicotteri sono partiti per il campo base del K2 per prelevare gli alpinisti del team polacco che tenteranno di salvare sia lei sia Tomek Mackiewicz che sta più su in montagna (intorno ai 7.200 mt, Revol a 6.670 sulla Kinshofer). Ma i velivoli al momento hanno problemi a raggiungere il campo base a causa delle nuvole.

AGGIORNAMENTO (26/01/2018 ore 17:50)

La macchina dei soccorsi, per cercare di salvare Elisabeth Revol e Tomek Mackiewicz, è in piena operazione. Il dipartimento di emergenza Askari Aviation – la società responsabile per gli elicotteri – ha dato ulteriori dettagli sull’azione pianificata. Domani alle 8 del mattino, ora pakistana) 2 elicotteri decolleranno direzione campo base del K2 per prelevare gli alpinisti Denis Urubko, Adam Bielecki, Marka Chmielarskiego, Marcina Kaczkana i Macieja Bedrejczuka e condurli sul Nanga Parbat.

La francese sta scendendo dalla montagna. Il polacco è bloccato per congelamenti e problemi alla vista a circa 7.280 metri. Elisabeth lo ha portato giù sin dove ha potuto. E lo ha sistemato nella tenda. Per entrambi sarà una notte infernale. Ma sono duri. E terranno duro!

I soccorritori dovranno salire la via Kinshofer per raggiungere Elisabeth e Tom. In un primo tempo si è detto di tentare di arrivare a quota 6.600 circa con l’elicottero e prelevare Revol. O comuqnue portargli qualcosa come cibo, medicine ed attrezzature. Ma le notizie che giungono dal Pakistan sono contraddittorie. La salita è difficile ma può essere facilitata dalle corde fisse lasciate dalle spedizioni autunnali. Il problema sono i venti. Il meteo domani è in peggioramento. In vetta soffieranno venti intorno ai 200 km/h. Intanto prosegue l’operazione di recuperare fondi sul web per far fronte alle spese per i soccorsi. Il portale zrzutka.pl ha raccolto sinora 230 812 zł mente su Fundriser – 55 930 euro!

AGGIORNAMENTO (26/01/18 ore 12:15)

Elisabeth Revol sta scendendo. Tomek Mackiewicz non ce la fa. Ha vari congelamenti e problemi alla vista dopo più di dieci giorni sulla montagna. Notizie che arrivano col contagocce dal Nanga e pertanto da prendere con le pinze. Le ambasciate polacca e francese si sono mosse. L’intento è di recuperare la francese sulla Kinshofer, ma dovrà scendere per essere recuperata dagli elicotteri, perché dove si trova adesso non può salire. A 7.200 metri. Dovrà scendere almeno di 4/500 metri di altitudine. Per il polacco invece lo stesso elicottero passerà dal campo base K2 e porterà sul Nanga un gruppo di alpinisti polacchi che sta tentando la prima invernale alla seconda montagna della terra. Tra questi Bielecki (che conosce quella via) e forse, tra gli altri, anche Denis Urubko.

AGGIORNAMENTO (26/01/18 ore 9:45)

nanga parbat

Situazione difficile, drammatica, sul Nanga Parbat. I due alpinisti stanno scendendo e sono a circa 7.200 metri. Ma non stanno bene. Dalle notizie che giungono col contagocce sembra che Mackiewicz abbia inizi di congelamenti e problemi alla vista.

Intanto la macchina dei soccorsi si è mossa. Si sta trattando per l’invio di un elicottero, operazione difficile a quella quota, ed anche il team polacco sul K2 si sta allertando, il tutto tramite le Ambasciate di Francia e Polonia. Adam Bielecki soprattutto conosce il Nanga ed insieme ad altri potrebbe partire in soccorso di Mackiewicz e Revol. È corsa contro il tempo. Organizzare il volo, salire a quella quota. Ricordiamo che i due sono sulla montagna da parecchi giorni. Abituati a lottare  a quelle quote, lo hanno dimostrato nelle precedenti spedizioni.

Intanto sul Nanga oggi sono previsti venti più forti.

Nulla si sa al momento sul tentativo di vetta.

Elisabeth-Revol Tomek-Mackiewicz

——————————————————

Manca davvero poco per Tomek Mackiewicz ed Elisabet Revol a coronare il loro sogno di salire il Nanga Parbat in inverno in puro stile alpino. Per i due un sogno, una missione, un perno fisso, quello della via Messner-Eisendle. Ebbene da giorni bivaccano ai campi alti. Dopo un primo tentativo stoppato dai venti forti, stanotte il polacco e la francese sono partiti verso la vetta. Un’oretta fa sono stati avvistati dal campo base Diamir sul trapezio sommitale. Sono a circa 8.000 metri di quota. Manca davvero poco! Un centinaio di metri. Ossia, un paio di ore di scalata. A breve, quindi, vi daremo aggiornamenti.

Non è il loro primo tentativo. Ci hanno provato, da soli, con Daniele Nardi, contatti col gruppo che l’anno scorso è salito in vetta per la prima volta nella stagione invernale. Ma loro avevano la loro via. Quella che hanno riprovato quest’inverno. Quella dove lo scorso anno Mackiewicz ci stava lasciando la pelle. Se l’è vista brutta per una caduta in un crepaccio, ma con l’aiuto della francese è riuscito a scendere al campo base.

Un sogno, il loro, senza per forza rincorrere un record, senza essere trascinati dalle logiche di marketing cui siamo ormai abituati ad assistere. Il sogno di una vetta. Di un progetto. Cercando di agguantarlo ad ogni costo, da soli, raccogliendo denaro sul web, partendo per la montagna anche con pochi fondi, andando dritti davanti alle critiche…

Beh, forza Tomek ed Elisabeth…

© 2018, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox