Pubblicato il: mar, Lug 5th, 2016

Entra nel vivo “I Suoni delle Dolomiti”

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
I suoni delle Dolomiti tornano con la 22^ edizione e con la collaudata formula prevede un’escursione a piedi dal fondovalle fino a radure e conche nei pressi dei rifugi dove i musicisti si esibiscono

Suoni-delle-Dolomiti

Tutti i concerti hanno inizio alle ore 13, con l’eccezione del concerto del 16 luglio, che si svolge alle ore 6, e sono gratuiti.

L’edizione 2016 ha preso il via sabato 2 luglio, sui pascoli di Jonta, in Val San Nicolò (Val di Fassa), con un omaggio a Fabrizio De Andrè: protagonisti l’attore Neri Marcorè, nelle vesti di cantante e chitarrista, e il Gnu Quartet, formazione dal singolare impianto strumentale (violoncello, violino, flauto, viola). Le note e le parole del grande cantautore genovese tornano il 12 agosto nei pressi del Bait del Germano a Busa del Cancanù (Altopiano della Paganella), di fronte alle Dolomiti di Brenta, con Cristina Donà, la pianista Rita Marcotulli, il bassista Enzo Pietropaoli, il trombettista Fabrizio Bosso, il sassofonista Javier Girotto, il chitarrista Saverio Lanza e il batterista .Cristiano Calcagnile

Il jazz è rappresentato dai pianisti Franco D’Andrea e Stefano Bollani. Il primo si esibisce il 6 luglio a Passo di Lavazé, in Val di Fiemme, insieme al clarinettista Daniele D’Agaro, al trombonista Mauro Ottolini e, in qualità di special guest, al batterista olandese Han Bennink; Stefano Bollani si esibisce in completa solitudine il 3 agosto nei prati della Val Duron, vicino al Rifugio Micheluzzi (Val di Fassa).
Il 10 luglio al Rifugio Bergvagabunden Hütte (Val di Fassa), suonerà il duo formato da Markus Stockhausen (tromba) e Tara Bouman (clarinetti, corno di bassetto), e il 24 agosto, a Camp Centener (Val Rendena), sulle Dolomiti di Brenta, il fisarmonicista francese Richard Galliano.

Per la musica classica, spiccano i nomi del violoncellista Mischa Maisky, (20 luglio al Rifugio Rosetta Giovanni Pedrotti a San Martino di Castrozza, a quota 2.581 metri, il punto più alto raggiunto in questa edizione del festival); in programma la terza e la quinta Suite per Violoncello di Johann Sebastian Bach. Dal 23 al 25 luglio, in un trekking sul Gruppo del Catinaccio (Val di Fassa) è la volta di un altro violoncellista, Mario Brunello, affiancato dal violinista Giuliano Carmignola e dal chitarrista Rolf Lieslevand.
Il 29 luglio, al Rifugio Giovanni Segantini, in Val Rendena, suona il trio formato dai clarinettisti Alessandro Carbonare, Luca Cipriano e Perla Cormani (Mozart, Poulenc, Beethoven, ma anche brani jazz di Charlie Parker e Chick Corea). Ancora classica, insieme a canzoni di varie epoche e stili, nel trekking sulle Pale di San Martino (31 luglio – 2 agosto) con la vocalist Petra Magoni e la suonatrice di arciliuto Ilaria Fantin.

In caso di maltempo il recupero è previsto lo stesso giorno in un teatro in valle. I biglietti d’ingresso sono disponibili presso le casse dei teatri a partire da 2 prima prima dell’inizio del concerto fino ad esaurimento posti

Per maggiori informazioni: www.isuonidelledolomiti.it

© 2016, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*