Pubblicato il: mer, Gen 28th, 2015

I giorni della merla: dalla Groenlandia neve, pioggia, grandine e freddo polare

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

merla

I Giorni della Merla non si smentiscono e l’inverno alza la voce coi tanti che in questa stagione lo hanno chiamato da più parti. Da domani, infatti, l’Europa centro-settentrionale verrà inglobata nel lobo del vortice polare in discesa dalla Groenlandia e per almeno 7 giorni ci saranno condizioni di maltempo prettamente invernale con nevicate anche in pianura e forte vento. Questo vasto ciclone colpirà anche l’Italia, che verrà battuta da forti correnti mediamente occidentali in seno alle quali si inseriranno diverse perturbazioni.
Ma vediamo nel dettaglio. Domani il peggioramento si avrà dapprima su zone tirreniche e Sardegna, con piogge e rovesci in estensione graduale verso fine giornata alle adriatiche, dove invece fino al pomeriggio il tempo si manterrà tutto sommato discreto; torna la neve sull’Appennino mediamente oltre 500-1000m, ma con quota in rialzo su quello meridionale. Il Nord sarà parzialmente protetto dal contrafforte alpino, con nubi in aumento ma precipitazioni molto deboli e più probabili sul Nordest. “Nella notte – dicono da 3bmeteo – si dovrebbe tuttavia avere una maggiore diffusione delle precipitazioni per la formazione di un minimo sulla Valpadana, con neve in collina ma a tratti anche pianura in particolare tra bassa Lombardia, Veneto occidentale, ovest Emilia, alto Friuli. Venerdì il suddetto minimo dovrebbe approfondirsi ulteriormente e portarsi sull’alto Adriatico, rinnovando precipitazioni sparse sul Nordest, nevose in collina o tratti in pianura con fiocchi anche sulle coste romagnole verso sera. Migliora al Nordovest con maggiori schiarite in avanzamento da Ovest. Ancora maltempo invece al Centrosud, con piogge e rovesci anche sfondo temporalesco; attenzione particolare a Lazio, Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna dove i fenomeni potranno risultare particolarmente intensi accompagnati da grandine e con accumuli superiori ai 50-60mm”. Il week-end sarà sempre all’insegna dell’instabilità. Vediamo. “Sarà un fine settimana di maltempo invernale sulla Penisola – aggiungono da 3bmeteo – questo perchè l’Italia sarà raggiunta da vari impulsi di aria fredda di natura artica, pilotati da una vasta e profonda circolazione di bassa pressione che ingloba buona parte dell’Europa. Le regioni del Centro Sud saranno più coinvolte da piogge, acquazzoni e temporali con fenomeni anche intensi sui versanti tirrenici. Tra le regioni più interessate: Lazio, Sardegna, Campania, Calabria tirrenica, Basilicata e nordovest Sicilia. Il tutto sarà accompagnato da venti forti con possibili mareggiate sui tratti esposti. Tanta neve è attesa sull’appennino dagli 1000/1200m. A tratti sotto gli 800m sull’appennino centrale. Domenica quota neve in calo sulle Centrali, fino verso i 200-300m tra Umbria e Toscana orientale. Andrà meglio al Nord con un tempo più asciutto e soleggiato, salvo qualche fenomeno sulle coste del Nord Est.

© 2015, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*