Pubblicato il: gio, Feb 1st, 2018

Gran Sasso, scoperta pianta unica al mondo

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Oxytropis halleri velutina - Ocre (2)I Ricercatori del Centro Ricerche Floristiche dell’Appennino (Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga – Università di Camerino), Fabio Conti e Fabrizio Bartolucci, in collaborazione con Luca Bracchetti (Università di Camerino), Dimitar Uzunov (Università della Calabria) e Riccardo Pennesi (Università di Trieste), hanno completato lo studio e la descrizione di una specie nuova per la scienza, cioè mai osservata prima.

Fabio Conti e Fabrizio Bartolucci, gli autori dell’eccezionale scoperta, che, in onore dell’unico luogo per cui è attualmente nota questa piccola leguminosa, l’hanno battezzata: Oxytropis ocrensis, Astragalo del Monte Ocre per i non addetti ai lavori. La notizia è appena stata pubblicata sulla rivista internazionale Phytotaxa  (http://www.mapress.com/j/pt/article/view/phytotaxa.336.1.5).

La pianta è stata segnalata al CRFA dal Carabiniere Forestale Bruno Petriccione, ecologo, che per primo l’ha rinvenuta nell’ambito delle ricerche su flora e vegetazione della Foresta Demaniale Regionale “Acquazzese” condotte dal Reparto Biodiversità dell’Aquila dei Carabinieri, per conto della Regione Abruzzo.

L’aspetto di questo astragalo, che si discostava da ogni descrizione riportata sui testi di settore, ha subito incuriosito i ricercatori del CRFA che l’hanno sottoposta ad uno studio morfologico comparativo con le specie affini che si rinvengono sulle Alpi e Penisola Balcanica. Le distinzioni emerse dalle specie affini hanno permesso di descriverla come una specie nuova. Al momento non è stata rinvenuta su altre montagne ed è quindi endemica, ossia in tutto il mondo vive solo in una valle del Monte Ocre.

Il Monte Ocre, pur sovrastando la città dell’Aquila con 2.204 m, non era mai stato oggetto di approfondite ricerche floristiche, come invece le vicine quote più elevate e più note del Gran Sasso e del Velino.

I campioni d’erbario, designati dai botanici come rappresentativi della nuova specie, sono conservati presso l’Herbarium Apenninicum del CRFA, nel convento di San Colombo di Barisciano (AQ).  Sono attualmente in corso ricerche per avere più informazioni sul periodo in cui la specie si è originata.

La scoperta dimostra come il nostro territorio, a tratti ancora integro, riserva ancora molte incredibili sorprese nel campo dell’esplorazione botanica.

L’Astragalo del Monte Ocre incrementa il già ricchissimo patrimonio floristico abruzzese che annovera ben 3190 piante autoctone, traspecie e sottospecie, collocando l’Abruzzo al quarto posto in Italia per numero di entità autoctone dopo Piemonte, Toscana e Lombardia.

© 2018, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox