Pubblicato il: mer, Mag 31st, 2017

Hero Südtirol Dolomites 2017: boom di stranieri da 45 nazioni

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

hero sellaronda

È nel 2010 che nasce la HERO Südtirol Dolomites: al via “solo” 400 partecipanti, ma in quell’anno si gettano le basi per un grande progetto. In soli quattro anni il numero dei partenti si è decuplicato: nel 2014, infatti, 4014 biker provenienti da 40 nazioni differenti prendono il via alla gara di mountain bike più dura al mondo. L’anno dopo 2015, anno storico per la HERO, sono 4015 gli atleti, provenienti da 50 nazioni, a disputare il Campionato del Mondo UCI Marathon sui percorsi della HERO, che si ritrova così catapultata nell’élite delle manifestazioni off-road.

Da allora viene introdotto il numero chiuso a quattromila iscritti, più l’anno di svolgimento: e così, nell’edizione del prossimo 17 giugno, saranno complessivamente 4017 i biker che si presenteranno alla partenza di Selva Val Gardena.

Un po’ di numeri
La HERO Südtirol Dolomites 2017 sarà internazionale come mai prima d’ora: basti pensare che il 23% dei protagonisti proviene dall’estero (il 34% in più rispetto all’edizione passata), e che complessivamente ci saranno 45 nazioni di 5 continenti al via. Anche se la maggior parte degli atleti è di nazionalità italiana (101 province rappresentate, tutto il Paese presente!) tedeschi, austriaci e svizzeri costituiscono il 14% dei partecipanti. La HERO sarà ancora una volta un evento globale, come testimoniato dalla presenza al via di atleti sudafricani, brasiliani e australiani.

Molto di più di una gara
L’intero evento HERO Bike Festival (da giovedì 15 a domenica 18 giugno) porta in Val Gardena fino a 8.000 arrivi che si traducono in 18.000-20.000 presenze turistiche. In termini economici il lungo weekend HERO ha una ricaduta sul territorio di quattro milioni di Euro, di cui un quarto è la valorizzazione mediatica.

«Questa manifestazione sportiva di alto livello, oltre ad essere un evento particolare per la Val Gardena è anche un chiaro inizio della stagione estiva – commenta Roland Demetz, sindaco di Selva Val Gardena – e questo è un punto essenziale per gli operatori turistici in quanto attraverso i media possono comunicare in uno spettro molto ampio la disponibilità del territorio per le vacanze estive. Hero è senza dubbio una manifestazione indispensabile per l’economia locale specialmente per il segmento bike: uno sport in continua crescita».

hero

E anche sotto il profilo occupazionale la HERO rappresenta una vera e propria case history: l’indotto generato dalla gara e dalla riscoperta dei sentieri intorno al gruppo del Sella ha favorito la crescita di numerosi noleggi bici e negozi di ciclismo (circa 20) distribuiti nelle quattro valli dell’area: Alta Badia, Arabba, Val di Fassa, Alpe di Siusi e naturalmente la Val Gardena.

«E aggiungiamo che la creazione di Scuole di MTB in queste quattro vallate, ha generato in pochi anni la creazione di oltre 110 posti di lavoro come Guide di Mountain Bike certificate – sottolinea Gerhard Vanzi – che hanno così una occupazione da giugno a settembre, che è spesso complementare all’attività di Maestro di Sci»

Visibilità mediatica.
Grazie alla presenza di non meno di 50 giornalisti accreditati ogni anno e agli accordi di diffusione delle immagini con Eurosport 2 International (diretta delle ultime due ore di gara visibili “live” in 67 nazioni in Europa, Asia, Pacifico), Sky TV, e alla differita in Eurovisione da 60 televisioni, nonché negli USA, Canada e Taiwan, HERO può vantare un altro record sotto il profilo della comunicazione:

«La visibilità mediatica dell’evento corrisponde a un valore di oltre un milione di Euro – ci ricorda Genni Tschurtschenthaler, managing director di HERO – e a questo traguardo concorrono anche le attività web e social, come le partnership con i portali internet di riferimento come Gazzetta dello Sport, Repubblica e Tuttosport, e il seguito dei follower su Facebook e Instagram».

La HERO Südtirol Dolomites ha già vissuto sette edizioni (quella del 2017 è l’ottava) ed è uno degli appuntamenti sportivi principali e più seguiti in Alto Adige. Si tratta di una manifestazione attraverso la quale vengono divulgate le meraviglie delle Dolomiti nelle tre provincia di Bolzano, Trento e Belluno: basti pensare alle indimenticabili bellezze paesaggistiche poste lungo 86 km di tracciato e 4500 metri di dislivello attorno al massiccio del Sella, del Sassolungo, da Selva attraverso la Val Gardena, l’Alta Badia, Arabba, la Val di Fassa e l’Alpe di Siusi fino al ritorno a Selva.

Al via 18 milioni di Euro
La HERO Sudtirol Dolomites rappresenta l’apice di un movimento italiano della mountain bike che dagli anni 80 ad oggi è cresciuto, non solo in termini di praticanti, ma anche economici. Basti pensare che il prossimo 17 giugno, al via della gara, i quattromila partecipanti porteranno con sé biciclette il cui valore complessivo è stimato in 14 milioni di Euro, a cui vanno aggiunti oltre 4 milioni di Euro in accessori (abbigliamento, casco, scarpe…)
Oltre 18 milioni di Euro che raccontano di quanto importante sia il movimento economico dell’off-road sulle nostre Alpi.

La HERO è l’unica gara di mountain bike in Italia a numero chiuso, per la quale si assiste a un vero e proprio assalto all’apertura delle iscrizioni: «Ricordiamo ancora l’edizione 2014, quando all’apertura delle iscrizioni, migliaia di accessi fecero crollare i nostri server e quelli della società di elaborazione die dati» sottolinea Gerhard Vanzi a capo dell’organizzazione.

Una gara, quella della HERO, all’apice di un movimento che vede 841 gare di mountain bike in tutta Italia e alcune migliaia di competizioni su tutto l’arco alpino, italiano ed estero. Un fenomeno transnazionale con una stima di 18 milioni di biker in tutto il continente di cui un milione nel nostro Paese.

Partnership forti.
A partire dallo scorso anno, la HERO è il partner turistico principale della più grande fiera ciclistica al mondo, Eurobike di Friedrichshafen, e ricopre così un ruolo di leadership per il turismo di settore nelle Dolomiti. Inoltre, la HERO è parte del circuito MTB Alpine Cup che racchiude quattro gare marathon di mountain-bike classificate UCI Marathon Series, per un totale di 450 chilometri di tracciato e 20.000 metri di dislivello.
Naturalmente la HERO Südtirol Dolomites del 17 giugno sarà parte del challenge composto dalla MB Race Culture Vélo (Francia) in luglio, dal Grand Raid BCVS (Svizzera) in agosto e dalla Forestière Bulls Bikes (Francia) in settembre. Le quattro gare si caratterizzano non solo per percorsi estremi e paesaggi mozzafiato, ma anche per un’organizzazione professionale, che ha consentito al poker di manifestazioni di avere il patrocinio dell’UCI sul nuovo circuito. Maggiori informazioni sul sito www.alpinecup.com

Maggiori informazioni su www.herodolomites.com

© 2017, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*