Pubblicato il: ven, Mar 13th, 2015

I cuccioli dell’orsa Daniza hanno superato l’inverno

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Lo chiarisce la Provincia autonoma di Trento: “In base ai dati in nostro possesso possiamo ritenere che abbiano superato con successo la fase dello svernamento”

daniza1

 

Pare che i piccoli dell’Orsa Daniza (morta a seguito di un anestetico in corso di cattura dopo che il plantigrado aveva attaccato un uomo) abbiano superato l’inverno. E la Provincia autonoma di Trento chiarisce anche i dubbi. “Nessun giallo sulla sorta dei figli di Daniza. Gli esperti confermano che gli elementi in loro possesso inducono a ritenere che i giovani orsi abbiamo superato l’inverno, come scritto nel rapporto orso 2014, presentato ieri sera. Lo ribadisce l’Ufficio Faunistico del Servizio Foreste e Fauna della Provincia che precisa che la tabella riportata a pagina 56 del rapporto contiene un refuso che è stato corretto.

 

Del resto vi sono una serie di filmati e di fotografie successive alla data dell’11 settembre che dimostrano come l’orsetta sia ancora in vita. Si conferma pertanto, come scritto nel rapporto 2014, che tutto lasci supporre che i cuccioli di Daniza, ora giovani orsi, abbiano superato con successo la fase dello svernamento. Il monitoraggio genetico, che verrà effettuato anche nel 2015, si occuperà con particolare attenzione di evidenziare la presenza dei due figli di Daniza”.

 

© 2015, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. agh scrive:

    notizia priva di qualsiasi fondamento. La presunta sopravvivenza si basa su pure supposizioni. I cuccioli di Daniza sono stati persi di vista prima del letargo e, ad oggi, non sono stati ancora visti da nessuno. Quindi non si capisce su cosa si basino le affermazioni secondo cui sarebbero sopravvisuti all’inverno

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*