Monte Accellica da Acerno

 

Classico e storico sentiero per la montagna regina dei Monti Picentini, che ripercorre l’itinerario descritto da Giustino Fortunato nel suo “Appennino Meridionale”. La parola Accellica è la contrazione italianizzata dell’espressione << `a Celica >>, col quale la popolazione locale tuttora indica la montagna. L’Accellica Sud, di poco più bassa della Nord, si distende con un panoramico crestone verso sud, che termina col panoramico Timpone. Le due vie di accesso al crestone percorrono i due ripidi fianchi: da Acerno (est) il sentiero 103 e da Giffoni Valle Piana (ovest) il sentiero 103A. Il collegamento tra le due cime dell’Accellica, descritto nel sentiero 190, si effettua per sentiero attrezzato con cavi d’acciaio ed è riservato ad escursionisti esperti. Acerno è raggiungibile da Salerno con autobus SITA. Si parte, in discesa dal fondo dello spettacolare Viale S. Donato di Acerno, con la Chiesa sulla destra ed il Cimitero a sinistra, seguendo inizialmente il sentiero 106 (Sentiero Italia). Dopo 10 minuti, si lascia la strada asfaltata e si scende lungo uno stradone sconnesso e fangoso, che ci porta ad uscire di nuovo sull’asfalto in corrispondenza di Casa Cugno. Lasciando il Sentiero Italia, percorriamo la strada verso destra per circa 500 metri, in direzione dell’Agriturismo S. Leo e delle Croci di Acerno, fino ad incontrare sulla sinistra un pannello all’imbocco del sentiero, che inizia largo e agevole. Si raggiunge un castagneto e si sale poi a sinistra, attraversando un pianoro sempre in direzione dell’Accellica (ovest). Quindi si scende di poco lungo una stradina erbosa, che porta ad un casolare abbandonato, non prima di aver superato qualche chiusura con filo spinato. Presso la casa vi è una vecchia sorgente ormai interrata ed il sentiero prosegue poi con un breve tratto a gradini molto sconnesso e scivoloso, che incrocia più in alto una sterrata. Si va a destra per pochi metri e si supera un cancello metallico, che immette in un giovane castagneto. Si segue la pista che lo attraversa fino al termine di essa, per poi proseguire lungo il bel sentiero che sale tra i cerri del Bosco dei Pellegrini. Dopo circa 20 minuti dal castagneto, si esce sulla strada sterrata che dalle Croci di Acerno percorre le falde orientali dell’Accellica, sede del sentiero 105. Il sentiero prosegue di fronte a noi (leggermente a sinistra) tra le piante di ginestre che si allungano sulla traccia, senza però impedire il passaggio in direzione della montagna. Superata questa fascia di bosco novello, residuo di un recente taglio, si incontra la copiosa sorgente di Acqua Fredda, con una serie di abbeveratoi, in un ambiente molto frequentato da bovini. Dalla sorgente si va a sinistra e, raggiunto il crinale, si sale a destra lungo la mulattiera sassosa, che porta alla sorgente di Acqua Freddillo, asciutta da alcuni anni. Si va di nuovo verso sinistra riprendendo il crinale e traversando verso sud si esce sulla prateria che caratterizza la sommità del Timpone, con straordinaria vista a 360°, che d’ora in avanti si potrà godere lungo tutto il resto del percorso. Dalla cima del Timpone si scende pochi metri verso nord al valico di Acqua Fredda, ove giunge da ovest il sentiero 103A, proveniente dai Piani di Giffoni e si inizia a percorrere la lunga e ammaliante cresta in direzione nord, con andamento ondulato e sinuoso. Con un’ultima piccola discesa, si arriva ad un altro valico, che i locali chiamano Varco della Giumenta, in quanto fin qua può giungere un quadrupede. Oltre si riprende a salire per prati ripidi e, per un paio di tratti, su facili roccette che richiedono l’uso delle mani. Un breve passaggio roccioso più esposto è assicurato con corrimano poco prima della vetta dell’Accellica Sud. Sulla cima, dal 2006, in occasione del Ventennale della Sezione CAI di Salerno, è stato installato un libro di vetta, che raccoglie le firme e le sensazioni degli escursionisti che hanno avuto modo di raggiungere questa stupenda cima. Proseguendo per pochi metri a nord della cima, si raggiunge il sentiero 190, che conduce a sinistra verso il Varco del Paradiso e a destra verso la cresta della Savina. In entrambi i casi, è indispensabile l’attrezzatura per vie ferrate.

© 2014, ALL RIGHTS RESERVED.

Scheda Itinerario

  • Luogo: SS164, 83048 Montella AV, Italia 
  • Regione: Campania 
  • Provincia: Salerno 
  • Difficoltà:
  • Punto di Partenza: Acerno 
  • Punto di Arrivo: Monte Accellica 
  • Dislivello:
  • Sentiero n°: vari 
  • Tempo di percorrenza: h 4,30 all'andata, h 3,30 per il ritorno 
  • Lunghezza: 7 Km 
  • Altitudine massima: 1660 mt 
  • Periodo consigliato: tutto l'anno 
  • Tipo di via: normale-ferrata 

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*