La Strada Matrone

 

Stiamo parlando del sentiero più panoramico del Parco nazionale con l’ascesa al Gran Cono del Vesuvio. La Strada Matrone, costruita ad opera dei fratelli Matrone vollero misurarsi con il Vesuvio, come scrisse il Maiuri, venne tracciata intorno agli anni ’20-’30 da Boscotrecase fino alle falde più alte del vulcano. Si procede in salita attraverso curve e tornanti lungo un tratto asfaltato in pineta. Si raggiunge il bivio con lo stradello della Riserva Forestale Tirone Alto Vesuvio dove è posta la meta ravvicinata. Il percorso si inerpica ancora su una serie di curve da cui si inizia a distinguere la sagoma del Vesuvio. La pineta lascia spazio alla macchia a ginestra. Lasciato il tratto asfaltato inizia il tratto più suggestivo del sentiero: la vista spazia verso valle sulla Piana Campana e sulla Riserva Tirone e verso l’alto sul Vesuvio, sulle bocche laviche del 1906 e sulle creste del Monte Somma. Uno slargo panoramico sulla Penisola Sorrentina e il Golfo di Napoli è la meta intermedia. Si raggiunge il Piazzale da cui si possono ammirare le creste del Monte Somma con la Punta Nasone opposta ai Cognoli di Ottaviano e ai loro piedi la distesa della Valle dell’Inferno. Si riprende il percorso dell’andata in discesa verso l’ingresso dove è posta la meta d’itinerario.

 

© 2014, ALL RIGHTS RESERVED.

Scheda Itinerario

  • Luogo: Via Vecchia Campitelli, Parco Nazionale del Vesuvio, 80040 Terzigno NA, Italia 
  • Regione: Campania 
  • Provincia: Napoli 
  • Difficoltà:
  • Punto di Partenza: Boscotrecase 
  • Punto di Arrivo: Gran Cono 
  • Dislivello:
  • Sentiero n°:
  • Tempo di percorrenza: ore 2 a/r; ore 3 a/r; ore 7 a/r 
  • Lunghezza: 6877 mt 
  • Altitudine massima: 1050 mt 
  • Periodo consigliato: tutto l'anno 
  • Tipo di via: normale 

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*