Pubblicato il: ven, Feb 10th, 2017

La tragedia di Rigopiano diventa una miniserie tv

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

epa05731723 A handout photo made available by the Italian Fire Department shows rescuers searching for victims at the scene of the hotel Rigopiano in the town of Farindola, overwhelmed the previous night by a snow avalanche after three earthquakes hit, in Abruzzo region, Italy, 19 January 2017. According to an Italian mountain rescue team, several people have been killed in the avalanche that hit the hotel near the Gran Sasso mountain.  EPA/ITALIAN FIRE DEPARTMENT HANDOUT  HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

La tragedia di Rigopiano diventa una miniserie Tv. Ad annunciarlo è Pietro Valsecchi, amministratore delegato della Taodue film, il quale ha detto di aver iniziato a lavorare ad un progetto televisivo dedicato alla drammatica vicenda dell’Hotel alle falde del Gran Sasso.

La miniserie, intitolata “La valanga”, sarà in quattro puntate e l’inizio delle riprese è previsto per settembre.

La nota di TaoDue:

E’ un progetto importante che stiamo scrivendo con il supporto e il coinvolgimento di chi ha vissuto in prima persona la vicenda. Sono state giornate che abbiamo seguito tutti con emozione e partecipazione, in un’alternanza di sentimenti. Dalla trepidazione per chi era intrappolato al sollievo per chi è stato salvato, dalla commozione per le vittime all’ammirazione per chi ha lottato fino all’ultimo per salvare vite umane. E infine anche la legittima domanda che tutti si pongono: si poteva evitare questa tragedia? Vorremmo fare luce sulla verità dei fatti e insieme rendere omaggio alle vittime e a tutti quegli uomini e donne che in condizioni proibitive e a rischio della loro stesa vita, non si sono risparmiati, lavorando senza tregua per cercare i superstiti.

© 2017, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

>