Pubblicato il: lun, Ago 31st, 2015

Lo Stambecco d’oro del Gpff a “Natural world: the bat man of Mexico”

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Ha vinto la 19^ edizione del Gran Paradiso Film Festival. Secondo classificato Arab sands di Brando Quilici (Italia, 2014), seguito da Alexandre, fils de berger di Anne, Erik e Véronique Lapied (Francia, 2014)

gran paradiso film festival

 

Con un ottimo risultato nelle diverse sedi di proiezione e come vincitore a Cogne, Natural world: the bat man of Mexico vince la sezione del Concorso Internazionale aggiudicandosi il 19°Trofeo Stambecco d’Oro – Premio Fondazione CRT, pari a 5.000 euro, assegnato dalla giuria del pubblico di Cogne, Ceresole Reale, Champorcher, Rhêmes-Saint-Georges e Villeneuve.

Secondo classificato Arab sands di Brando Quilici (Italia, 2014), seguito da Alexandre, fils de berger di Anne, Erik e Véronique Lapied (Francia, 2014).

 

Per la gioia dei più piccoli, Life on the reef – episode 1 di Nick Robinson (Australia, 2014) è stato premiato con il Trofeo Stambecco d’Oro Junior dalla giuria del Concorso Internazionale Junior ottenendo il consenso di tutti i giurati compresi tra gli 8 e i 13 anni.

Il miglior cortometraggio della sezione CortoNatura è stato invece Maly Cousteau diJakub Kouril (Repubblica Ceca, 2014), una storia suggestiva che parla di un bambino alla ricerca di avventure sottomarine in una città ricoperta dalla neve.

 

La giuria tecnica, composta da Danilo Mainardi, Bruno Bassano, Marco Albino Ferrari, Ezio Torta e Paolo Lazzarin ha assegnato i seguenti premi:

– Premio Parco Nazionale Gran Paradiso (pari a 1.500 euro): Natural world: the bat man of Mexico del regista Tom Mustill (Regno Unito, 2014);
– Premio Progetto Natura (pari a 1.500 euro): Planet der Spatzen del regista Kurt Mayer(Austria, 2013);
– Premio Lipu – Mario Pastore: Planet der Spatzen del regista Kurt Mayer (Austria, 2013);
– Premio WWF Italia: Walking under water di Eliza Kubarska (Polonia, Germania, Regno Unito, 2014).

La serata conclusiva del Festival è stata dedicata al cammino di Milena Bethaz,guardaparco del Parco Nazionale Gran Paradiso presente in sala per raccontare la sua “vita fuori dal comune”: colpita da un fulmine a 3.000 metri di quota, Milena è stata protagonista di un’incredibile forza di carattere e determinazione.

Nel pomeriggio si è concluso il ciclo di eventi De Rerum Natura, con l’intervento diFlavio Caroli, critico e storico dell’arte, che ha condotto il pubblico in un suggestivo viaggio nella storia di questa disciplina.
Insignito del riconoscimento di personaggio simbolo del 19° Gran Paradiso Film Festival, Caroli è stato salutato con affetto ed entusiasmo dalla platea di Cogne.ù

In questa edizione della manifestazione è stata presentata poi la Carta delle Valli del Gran Paradiso, una proposta redatta e siglata da stakeholder, istituzioni e cittadinifinalizzata ad incoraggiare le politiche di conservazione della biodiversità e la fruizione sostenibile e consapevole del fragile ambiente naturale. La carta è disponibile ora sul sito del Festival.

 

«Il Festival è cresciuto in molti sensi e in diverse direzioni: geograficamente, nella programmazione, nella qualità dei film e degli eventi proposti, nel numero di partner, giurati e spettatori. Questa diciannovesima edizione si è allargata dalle valli del Gran Paradiso al Parco Naturale Mont Avic, si è arricchita di nuove sezioni, ha visto la presenza di grandi ospiti ed il coinvolgimento di 15 partner, che hanno creduto nella manifestazione. La risposta del pubblico alle proiezioni e a tutte le iniziative in programma è stata molto calorosa. Le 10.000 presenze registrate durante questa settimana e le sale sempre gremite testimoniano di come la commistione di generi della programmazione offerta  sia stata apprezzata dal pubblico» ha dichiarato Luisa Vuillermoz, Direttore artistico del Festival, che ha aggiunto: «Abbiamo voluto un Festival in cui ci potesse essere una contaminazione di idee in grado di sviluppare creatività e di dare risposta alla curiosità, a quel bisogno di esplorare e conoscere che è la nostra natura, il nostro istinto, che da sempre ci fa mettere in cammino».

Il Festival è stato organizzato da Fondation Grand Paradis in collaborazione con Regione Autonoma Valle d’Aosta –  Assessorato al Turismo, Commercio, Sport e Trasporti; Progetto Giroparchi – PAR FAS Valle d’Aosta 2007/2013; Compagnia di San Paolo; Fondazione CRT; Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo; Parco Nazionale Gran Paradiso e Comune di Cogne; Federparchi; Office Régional du Tourisme; Comune di Ceresole Reale; Comune di Champorcher; Comune di Rhêmes-Saint-Georges; Comune di Villeneuve e Convenzione delle Alpi e Montura.

 

© 2015, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox