Pubblicato il: mer, Mag 13th, 2015

Macellavano sul posto gli animali uccisi e nascondevano i fucili sotto le rocce

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise: 12 persone hanno ricevuto informazioni di garanzia per le ipotesi di associazione a delinquere finalizzata al bracconaggio, uso di armi clandestine e ricettazione

 

Avezzano (L'Aquila) - animali uccisi

Continuano senza sosta le attività di prevenzione e controllo anti-bracconaggio nel Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Dodici persone sono state beccate ed hanno ricevuto gli avvisi di garanzia. Nascondevano i fucili sotto le rocce, vicino i pascoli degli animali selvatici protetti nel parco d’Abruzzo, Lazio e Molise, e dopo averle usate per abbattere le riponevano nei nascondigli.

 

Gli animali uccisi venivano macellati e depezzati sul posto. Come detto, 12 persone hanno ricevuto informazioni di garanzia con le ipotesi di associazione per delinquere finalizzata al bracconaggio, uso di armi clandestine per l’abbattere animali protetti e non nell’area del Pnalm e ricettazione.

 

© 2015, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*