Pubblicato il: gio, Gen 21st, 2016

Matteo Della Bordella e David Bacci ripetono la Est del Fitz Roy dopo 40 anni

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Il Ragno di Lecco ci provò anche lo scorso anno ma dovette arrendersi a causa delle fessure chiuse da neve e ghiaccio. La parete non era mai stata più scalata dall’impresa del 1976 di Casimiro Ferrari e Vittorio Meles

matteo della bordella

 

“A volte i sogni più belli si realizzano quando meno te lo aspetti… Una grande via, una parete enorme, una salita mitica e mille storie da raccontare… Fitz Roy, pilar este, prima salita Casimiro Ferrari e Vittorio Meles, 1976, 6 giorni in parete. 2016 la prima ripetizione, stile alpino, David Bacci e Matteo Della Bordella. Ci sarà tempo e modo nei prossimi giorni di raccontare con calma e qualche bella foto questa immensa avventura, intanto un enorme grazie a tutti quelli che mi hanno supportato in questo grande progetto, a tutti i soci con cui ho condiviso i 3 tentativi in parete, in particolare a David Bacci, la cui motivazione, anche nei momenti più difficili si è dimostrare degna del grande Casimiro”.

Ecco il post del Ragno Matteo della Bordella su Facebook. L’impresa è compiuta! Compiuta dopo 40 anni da quando nel lontano ’76 Casimiro Ferrari e Vittorio Meles  aprirono la loro via sulla parete Est del Fitz Roy. Ben 1200 metri di arrampicata. Della Bordella ci provò lo scorso anno, ci riprovò anche… ma niente da fare: le fessure troppo intasate da neve e ghiaccio.

 

Quest’anno la cordata era composta completamente da varesini. Con Della Bordella c’era David Bacci, scalatore classe 1985. Lo scorso anno era con Luca Schiera e Luca Gianola. Non riuscirono nel loro intento, ma non si arresero e nei giorni a seguire, con Schiera e lo svizzero Schupbach aprirono una nuova variante della via di Renato Casarotto sul pilastro Nord (1979). Per di più ripulirono anche un bel po’ la via…

Prima del successo di Ferrari e Meles, la Est del Fitz Roy era già stata tentata: francesi (1968), trentini (1973) e svizzeri (1974).

Ma per i Ragni l’avventura non finisce qua. Hanno in serbo, a breve, un’altra bella sorpresa… ma è top secret al momento!

 

Vi riproponiamo anche il tentativo dello scorso anno >>> leggi

 

© 2016, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*