Pubblicato il: dom, Gen 17th, 2016

Nanga Parbat, incidente a Daniele Nardi sui 6000 metri

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Nuovo incidente sul Nanga Parbat, sempre sulla via Kinshofer; dopo Adam Bielecki stavolta è toccato a Daniele Nardi: per fortuna nulla di grave e, speriamo, che non comprometta l’avventura dell’italiano

daniele nardi

Pubblichiamo integralmente l’ultimo dispaccio di Daniele Nardi postato oggi pomeriggio:

 

“Ciao a tutti e scusate il silenzio delle ultime ore!
Purtroppo ieri sera verso le 16e30, ora Pakistana (12e30 Italia), mentre salivo le corde a metà delle rocce Kinshofer ho avuto un incidente. Ero a circa 70 o forse 100m dal campo 2 quindi ad una quota superiore ai 6000m. Stavo salendo un tratto di roccia leggermente strapiombante su vecchie corde fisse con uno zaino molto pesante e carico dei materiali necessari per le giornate successive e per allestire il campo.
Ahimè, l’ancoraggio sommitale ha ceduto e sono volato giù anche se le corde a cui ero assicurato erano discrete.

Il volo è stato di circa 8/15 m, difficile per me dirlo con esattezza. Ero quasi all’uscita del tratto di roccia quando in un “battito di ciglia” mi sono ritrovato ad urtare contro il pendio ghiacciato sottostante a testa in giù.

Sono schizzato via come un proiettile.
Fortunatamente avevo fissato tre punti di sicurezza dal mio imbraco alle varie corde fisse in loco.
Una di queste corde è rimasta incastrata in un piolo di una vecchia scala e quest’ultima ha tenuto.

La caduta è comparabile ad una caduta in ferrata dove i “fattori di caduta” sono veramente molto alti, per i non addetti ai lavori sono le cadute potenzialmente distruttive per le corde di sicurezza.
Non so perché sono ancora vivo ma è così.

Per fare un paragone, il volo di Adam dei giorni scorsi ha avuto un fattore di caduta di circa 1,3 o 1,5 pur avendo volato per 80m circa. Il mio ha raggiunto un fattore di circa 4 o 5, se non maggiore, pur volando per molto meno.

Sul momento non ho avuto grossi dolori, era troppo alta a mio avviso l’adrenalina e la voglia di scendere.
Sono sceso di notte ed è stata una discesa rocambolesca. Sono arrivato al campo base alle 23.00 circa.

Ora sto bene a parte qualche dolore alla schiena ed alla spalla…speriamo che non peggiorino.

A presto per nuovi dettagli nei prossimi giorni.
Daniele dal campo base”.

© 2016, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. Bruno da Latina scrive:

    Ciao Daniele,
    mi dispiace per l’incidente ma sono felicissimo che le cose siano andate bene. Come diceva Trilussa ” se insisti e resisti,raggiungi e conquisti” ti auguro di raggiungere e conquistare il tuo obiettivo. Certo di poter interpretare i sentimenti di tutti gli amici del Semprevisa ti dico che ti siamo tutti vicini e facciamo il tifo per te. Cari saluti, Bruno

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*