Pubblicato il: lun, Feb 9th, 2015

Nanga Parbat. I russi abbandonano, restano Nardi, Txikon e gli iraniani

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

daniele nardi

I 4 russi di San Pietroburgo impegnati sul Nanga Parbat (Nickolay Totmjanin, Serguey Kondrashkin, Valery Shamalo e Victor Koval) hanno detto addio alla loro spedizione. Hanno raggiunto la massima quota di 7150 mt nel loro ultimo tentativo di vetta sul versante Diamir (via Schell) e sono rimasti un po’ di giori al campo base. Troppo freddo, troppo vento. Ma, come si sa, quella dei russi non è l’unica spedizione sull’8000 pakistano. Daniele Nardi è alle prese con lo sperone Mummery ed è al campo base a 5600 metri (dopo essere stata travolta da una slavina). E poi c’è lo spagnolo Alex Txikon (dopo l’addio al k2) insieme ai pakistani Ali Sadpara e Muhammad Khan e la spedizione iraniana composta da Reza Bahadorani, Iraj Maani e Mahmood Hashemi. Pare ache abbiano unito le forze e tentare la vetta per la via normale (via Kinshofer).

© 2015, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*