Pubblicato il: mar, Gen 24th, 2017

No al nuovo impianto sciistico sul Tosco-Emiliano

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

impianto sci

In pieno cambiamento climatico e con la necessità di utilizzare con parsimonia e attenzione le risorse, ecco che le Regioni Emilia Romagna e Toscana propongono (incredibile!) la realizzazione di un comprensorio sciistico ancora più vasto dell’attuale, a cavallo dell’Appennino Tosco-Emiliano, rispolverando addirittura una proposta progettuale degli anni ’60.

Non si tratta di essere “ambientalisti” per bocciare questo progetto. Va rivendicato il ruolo di “cittadinanza “attiva” che in questo caso diventa anche cittadinanza “scientifica” ed “economica” per i dati locali relativi all’innevamento, agli impatti, ai costi e alle perdite degli attuali impianti. Giustamente il comunicato del CAI Emilia Romagna sostiene “… colpisce lo strabismo della Regione Emilia-Romagna, che da un lato con il sistema delle Aree protette tutela le peculiarità ambientali e culturali della montagna e promuove un turismo dolce a basso impatto ambientale (primo fra tutti il recente investimento di 1.300.000 Euro per l’Alta Via dei Parchi) e dall’altro continua a voler investire risorse su un modello di sviluppo fondato sulla monocultura dello sci da discesa, ormai in evidente crisi a causa delle mutate condizioni climatiche …” (visualizzabile qui).

E’ ora di accantonare idee superate e interventi settoriali a vantaggio di un progetto che favorisca forme di turismo diffuso nei paesi e nelle valli, tale da essere di richiamo in ogni stagione, per cultura, natura e qualità dell’offerta. Certo, la proposta alternativa di distribuire gli interventi sul territorio non è allettante per le lobby, per chi è abituato a gestire ingenti somme in interventi concentrati e monoculturali (si parla di quasi 20 milioni di euro).

Un progetto alternativo diffuso (come quello proposto dal CAI) prevede cura, passione per i luoghi e le popolazioni, l’attivazione di una capillare microeconomia che sostiene artigianato e produzioni locali, che rafforza l’identità dei luoghi, che riconosce il valore dell’area MaB e del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, con un’efficiente rete di sentieri, di musei, di fattorie didattiche e di centri visita.

INCONTRO DIBATTITO: 8 febbraio 2017
Siete tutti invitati a partecipare
Su questi temi CAI Emilia Romagna e Legambiente hanno organizzato un incontro dibattito pubblico sul tema: Nuovi impianti a Corno alle Scale? NO Grazie. L’appuntamento è per mercoledì 8 febbraio a Porretta Terme presso il cinema Kursaal, alle 20.30. Ingresso libero.

ESSERCI AI TAVOLI DEI DECISORI
Come CAI TAM sosteniamo che è sempre più importante riuscire ad anticipare le situazioni, a prevenire proposte di retroguardia e quindi essere presenti ai tavoli dei decisori, riuscendo a partecipare alle riunioni che pianificano le azioni, decidono gli interventi e destinano gli importi.

Filippo Di Donato
Presidente Commissione Centrale Tutela Ambiente Montano

(fonte: Cai)

© 2017, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*