Pubblicato il: ven, Set 22nd, 2017

Polacchi in invernale sul K2, ci sarà anche Denis Urubko

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

polacchi k2

Dopo la prima conferenza stampa di presentazione della spedizione invernale dei polacchi sul K2, iniziano a rincorrersi notizie e conferme. La prima è che, diversamente da quanto detto alcune settimane fa, del team farà parte anche Denis Urubko. E questa non è notizia da poco. Il K2 è l’ultimo Ottomila a non essere stato ancora scalato in inverno e Wielecki ha le idee chiare. Vanno lì a provare e al primo posto cìè la sicurezza, la vita, degli alpinisti. Pertanto, dice, hanno il 5% di riuscita dell’impresa, ma devono provarci! Della sqaudra faranno parte Adam Bielecki. Poi, Janusz Golab, Artur Malek. Dariusz Zaluski è uno dei fotografi più famosi e sarà della squadra. E poi Krzysztof Wranicz, Marek Chmielarski, Rafal Fronia, Marcin e Piotr Tomala Kaczkan. Tutti con esperienza in Himalaya. In forse la partecipazione di Andrzej Bargiel.

Si parte intorno al 20 dicembre in modo tale da essere a Natale al Campo Base che Wielecki vuole il più possibile confortevole. La via? Pare che sulla carta si sia scelta la Cesen, ovviamente bisogna vedere le condizioni una volta arrivati lì.

Oltre al Ministero dello sport e del turismo anche la città di Cracovia ha partecipato alla sponsorizzazione della spedizione. Il costo? Circa un milione e trecento mila Złoty, più o meno 300mila euro.

Il K2 è la montagna degli italiani, conquistata il 31 luglio 1954 da Lacedelli e Compagnoni nella spedizione capitanata da Ardito Desio.

La scorsa estate Wielecki è già stato sul K2 per far prendere confidenza della montagna al gruppo. Poi, per mancanza di fondi, lo scorso inverno la spedizione è saltata.

fonte: wspiniane; foto: Karolina Szymańska, wspiniane

© 2017, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*