Pubblicato il: mar, Lug 25th, 2017

Presunta aggressione in Trentino: ergastolo o uccisione per l’orso

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

orso

Non ha un futuro roseo l’orso che l’altro giorno avrebbe ferito un uomo nei boschi a Terlago, comune di Vallelaghi (località Predera). L’ordinanza del Governatore Rossi parla chiaro: cattura per restare rinchiuso per sempre o abbattimento. Sono le due alternative che mette in campo il documento. L’uomo è in ospedale, non in gravi condizioni, e la sua testimonianza ha portato a decretare che l’animale abbia attaccato “senza essere provocato”. Il pelo raccolto in zona dai forestali dovrebbe dare presto il responso sul presunto colpevole. Una zona in cui, come ha riferito informalmente in Consiglio l’assessore provinciale all’Ambiente, Michele Dallapiccola, ci sarebbero sei femmine. L’ordinanza, con copia inviata al ministero dell’Ambiente, prevede un “intervento di monitoraggio, identificazione e rimozione di un orso pericoloso per l’incolumità e la sicurezza pubblica”. Il mandato di trovare l’orso prevede che i forestali del Trentino, nel caso si trovassero in pericolo durante la cattura, possano ucciderlo. Continua nel frattempo l’attività di monitoraggio e presidio della zona con personale forestale sia nei cinque punti di accesso principali, anche con il compito di informare le persone che vi transitassero, sia con una squadra di emergenza di quattro persone e due cani, anche per la cattura prevista dall’ordinanza. Fatto è che “catturare un orso senza metterlo in pericolo di vita è possibile, ma è necessario avvalersi di ‘veri esperti’ del comportamento” afferma Enrico Alleva, etologo dell’Accademia dei Lincei. Senza contare che rinchiuderlo per sempre o ucciderlo non sarebbero le uniche soluzioni secondo il Pacobace (Piano d’Azione interregionale per la conservazione dell’Orso bruno sulle Alpi centro-orientali), come sottolinea il responsabile area animali selvatici della Lav, Massimo Vitturi: “E’ prevista la cattura per il trasferimento”.

Immediate le reazioni delle associazioni animaliste. “Un vero abominio” secondo l’Enpa (Ente nazionale protezione animali), che lamenta la scarsità di chiarezza sull’accaduto e proprio su questo punto l’Aidaa (Associazione italiana difesa animali e ambiente) parla di un esposto alla procura della repubblica di Trento per chiedere che si faccia chiarezza su quanto realmente accaduto.

La Lav traduce l’ordinanza in “ergastolo o uccisione” e, mentre esprime solidarietà al ferito, riporta alla memoria la “tragica e tristissima uccisione dell’orsa Daniza (11 settembre 2014), strappata ai suoi cuccioli”, parlando di “un verdetto contro gli animali e contro l’ambiente” e chiedendo di escludere dalle squadre di forestali in azione il veterinario “che ha già condannato Daniza”. Boicottaggio per il Trentino è invece la reazione dell’associazione Centopercentoanimalisti.

fonte: ansa

© 2017, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox