Pubblicato il: sab, Lug 7th, 2018

Roma assegna La Marmolada al Trentino. Il Veneto non ci sta

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Ghiacciai, Dolomiti, Marmolada immagine ripresa con drone nell'estate 2014

La Marmolada (3.343 metri) è trentina: la “sentenza” è dell’Agenzia del Territorio di Roma che ha posto fine ad una disputa di decenni affermando che sui confini provinciali della Regina delle Dolomiti vale quanto stabilito dal decreto del presidente della Repubblica Sandro Pertini promulgato nel 1982 e ribadito anche dal Consiglio di Stato, nel 1998, con una sentenza che fissava il confine sulla linea della cresta che da Punta Rocca scende verso il Passo Fedaia, coincidente con la linea di displuvio del monte.
La decisione sconfessa l’accordo del 2002 tra gli allora presidenti della Provincia di Trento, Lorenzo Dellai, e della Regione Veneto, Giancarlo Galan, che, con la cartografia allegata modificava nei fatti i confini a favore del Veneto.
A sollecitare il pronunciamento dell’Agenzia del Territorio era stato, in gennaio, il Comune di Canazei, con il sindaco, Silvano Parmesani, ed il vice, Luca Guglielmi, che, insieme all’allora sindaco di Vigo di Fassa, Leopoldo Rizzi, ed a funzionari della Provincia, avevano rivendicato la revisione dei confini catastali del massiccio della Marmolada a proprio favore ed a scapito di quello di Rocca Pietore. “E’ un successo per tutto il Trentino, ora si può cominciare una nuova fase”. Così il sindaco di Canazei ha commentato la decisione dell’Agenzia del Territorio di Roma che riporta la Marmolada entro i confini provinciali di Trento. La nuova fase, ha detto Parmesani al quotidiano di Trento, “L’Adige”, consiste nell'”elaborare un sistema complessivo per la Marmolada. Bisogna mettersi insieme e ragionare cosa sia meglio per l’area”.

    Si tratta di un passaggio che potrebbe coinvolgere anche il Veneto. “Se il Veneto ha compreso la decisione dell’Agenzia del Territorio – aggiunge infatti Parmesani – e accetta che i confini siano quelli definiti dal decreto Pertini, allora possiamo sederci intorno ad un tavolo in maniera tranquilla avendo sgomberato uno dei temi che ci hanno diviso. Se non lo capirà, allora valuteremo da soli cosa fare”.

“Giù le mani dalla Marmolada, la difenderemo con le nostre unghie. Difenderemo quel confine, nel senso che riguarda gli impianti di risalita, attività economiche e identitarie che sono del Veneto”. Lo ha affermato a Venezia Luca Zaia, governatore del Veneto, sulla decisione dell’ Agenzia del territorio che farebbe passare la cima più alta delle Dolomiti in toto al Trentino.

fonte/foto: ansa

© 2018, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox