Pubblicato il: mer, Lug 6th, 2016

Sibillini, il Giro delle 4 Valli in MTB

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Un itinerario da fare almeno una volta nella vita. Due giorni immersi nelle perle del Parco dei Sibillini

13607049_1125640457508534_4984390667047098555_n

foto: pagina facebook

L’anello delle 4 valli è un itinerario dei Sibillini da fare almeno una volta nella vita. In un unico giro sono condensati i luoghi più caratteristici del Parco. Faticoso quanto appagante, particolarmente consigliato a chi vuole mettersi alla prova in interminabili salite come in lunghissime discese, costantemente immersi in scenari che difficilmente saranno dimenticati. Sono possibili molteplici varianti che a seconda delle capacità del gruppo e delle condizioni meteo, potranno essere prese in considerazione per facilitarne la percorrenza o aumentarne il fascino di guida.

Guida: Fabrizio Castelli e/o Massimo Meloni

1° giorno
Durata: 6/8 ore
Distanza: 40 km
Dislivello: 2000 m
Difficoltà: molto impegnativo
Luogo e orario di ritrovo: Piazza di Ussita ore 7,30. Partenza ore 8,00
Partiamo da Ussita e su strada forestale all’interno del bosco, attraversiamo Sant’Eusebio guadagnando quota fino a Frontignano.
Proseguiamo su forestale che abbandoniamo per passo del Lupo in direzione passo Cattivo. Abbiamo percorso circa 15 km e guadagnato quota 1900. La prima vera fatica è fatta. Ora cambiamo versante per calarci nella meravigliosa val di Tenna. Scendiamo líintera valle fino alle Gole dell’Infernaccio per una fantastica discesa di 17 km fino a Montefortino. A dire il vero troveremo numerosi sali-scendi che metteranno a dura prova le gambe… La valle si stringe fino al punto in cui le possenti pareti della del monte Priora quasi si toccano con quelle della Sibilla. La pista prosegue ai margini del torrente che più volte lo attraversa. Usciti dalle gole proseguiamo fino a borgo di Rubbiano. Da Rubbiano si scende fino a Montefortino, appunto. Da qui si inizia nuovamente a salire, su fino a Piedivalle e poi attraverso un faticoso saliscendi lungo il Grande Anello dei Sibillini, si arriva alla frazione di Garulla e il rifugio omonimo dove ci aspetta una meritata cena e un più che guadagnato riposo.

2° giorno
Durata: 5/6 ore
Distanza: 35 km
Dislivello: 1300 m
Difficoltà: mediamente impegnativo
Luogo e orario di ritrovo: Rifugio di Garulla ore 8,30 ritrovo, 9,00 partenza
Da Garulla saliamo in direzione di Passo Ventoso e, sempre seguendo le indicazioni del Grande Anello, proseguiamo fino Pintura di Bolognola. A Pintura di Bolognola deviamo sulla suggestiva strada del Fargno che, in costante salita, ci consente di raggiungere l’omonima forcella. Da qui percorreremo la facile forestale che scende a Casali, o in alternativa la discesa delle Scentelle. In ogni caso ci troveremo in val di Panico, che aggireremo lungo una facile forestale. Possibile e doverosa deviazione alle bellissime sorgenti del Panico, caratterizzate da una affascinante cascata. Si prosegue a favore verso la caratteristica frazione di Sorbo che ci condurrà, sempre in discesa, verso il punto di partenza… quello del primo giorno ovviamente.

Equipaggiamento (variabile sulla base delle condizioni meteo): Casco, guanti ed occhiali obbligatori. Mtb meccanicamente in ordine, kit per foratura/e.

Consigli utili: zaino per riserve idrico-alimentari e abbigliamento di scorta.

Costo: 158 € (comprende: organizzazione, guida/istruttore SIMB con assicurazione RCT, assicurazione infortuni, mezza pensione in rifugio con pernotto in camere da 2 a 6 posti letto, transfer bagagli). Organizzazione tecnica: Aleste Tour.

ISCRIZIONI: qui

© 2016, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*