Pubblicato il: mar, Giu 9th, 2015

Studiare il mal di montagna, ricercatori e 50 volontari sull’Himalaya

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
I ricercatori sul Manaslu hanno studiato l’impatto di cervello e cuore all’altitudine e le variazioni che questa produce sul sonno

expedition_manaslu

ph: Samuel Verges, Inserm

 

Nel corso di cinque settimane tra marzo e aprile, diversi team di ricerca internazionali hanno condotto una spedizione scientifica in Nepal, nel cuore dell’Himalaya, vicino alla vetta del Manaslu a 8156 mt.

I ricercatori hanno studiato l’impatto di cervello e cuore all’altitudine e le variazioni che l’altitudine produce sul sonno. I ricercatori hanno studiato anche il valore di una maschera per migliorare l’ossigenazione e combattere i sintomi del mal di montagna. Sul Manaslu sono saliti 50 volontari.

L’altitudine è noto può disturbare il sonno e provocare apnea del sonno. Dai 2500 metri, una diminuzione media è stata osservata così come disturbi ciclici della ossigenazione del sangue.

 

Tutto il team di ricercatori e volontari sono stati a Kathmandu il 28 aprile, quando si è registrato il forte terremoto che ha devastato l’intera regione. Un edificio storico è crollato davanti ai loro occhi, come hanno riferito. Il team è illeso, ma scioccato.

 

© 2015, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*