Pubblicato il: sab, Lug 2nd, 2016

Trekking con gli asini sulle montagne valdostane

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Il trekking someggiato, cioè accompagnato da asini che trasportano i bagagli, è un modo di viaggiare molto piacevole, dal momento che si cammina leggeri e liberi di godersi il paesaggio. È un viaggiare lento

trekking asini

Il trekking con gli asini è un viaggio a piedi che, modellandosi sull’andatura lenta e imprevedibile di questi simpatici quadrupedi, esalta l’essenza stessa del viaggiare a bassa velocità.

Viaggiare a piedi con gli asini porta a riscoprire il valore del momento presente, fatto di attimi e di piccole cose che — vissuti ai ritmi frenetici che oggi consideriamo “normali” — di certo sfuggirebbero alla nostra attenzione e andrebbero perduti.

Il trekking someggiato, cioè accompagnato da asini che trasportano i bagagli, è un modo di viaggiare molto piacevole, dal momento che si cammina leggeri e liberi di godersi il paesaggio. È un viaggiare lento che avvicina gli escursionisti al mondo agricolo, facilita le relazione con le persone e con gli animali, aiuta a conoscere la natura e il territorio.

Un viaggio a piedi da Aosta ai rifugi della Valpelline. A passo d’asino.

Questo trekking facile di 30 chilometri, poco impegnativo e alla portata di tutti, è ricco di soddisfazioni e adatto anche ai bambini a partire dagli 8 anni, che fanno subito amicizia con i loro irresistibili compagni di viaggio dalle orecchie lunghe.

La Valpelline — che percorrerete nel vostro viaggio a piedi con gli asini — è una vallata incantevole, e una tra le più selvagge della Valle d’Aosta. È un incanto noto a pochi, e per questo ancora più prezioso. A differenza di altre vallate della Valle d’Aosta, la Valpelline non ha né impianti di risalita né grandi infrastrutture turistiche. Nella Valpelline il visitatore trova un territorio montano integro, fatto di sentieri, ghiacciai, prati, laghi, foreste, distese di rocce e pietre, e da gente di montagna autentica e sinceramente legata alle tradizioni del luogo. È per questo che chi scopre la Valpelline se ne innamora per sempre.

 

Info: lovevda.it

 

© 2016, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*