Pubblicato il: lun, Mar 21st, 2016

Turismo in montagna, inverno 2016 con boom di presenze

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Nel trimestre gennaio-marzo registrato un +12% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Trentino più gettonato, seguito da Piemonte e Valle d’Aosta. Circa 10 milioni hanno scelto la neve con un giro di affari di oltre 3 miliardi

Südtirol, Vinschgau, Winter, Sulden, Schnee, Wintersport,

“La lusinghiera crescita delle settimane bianche e dei week end sulla neve, fatta registrare dagli italiani nel trimestre invernale da gennaio a marzo, pari ad un incremento di quasi il 12% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, dimostra come il sistema turistico montano del Bel Paese disponga ormai di una tale organizzazione ed impiantistica capace di ovviare anche a stagioni, come questa del 2016, caratterizzata da un innevamento naturale altalenante”. È il commento di Bernabò Bocca, Presidente Federalberghi, alla lettura dei risultati relativi all’indagine consuntivo/previsionale delle settimane bianche e week-end sulla neve.

“Organizzazione ed impiantistica – prosegue Bocca – fatta di centri benessere allestiti ormai in quasi tutte le strutture alberghiere, di tradizioni enogastronomiche tra le più ricche e variegate al mondo e di impianti di risalita e di innevamento artificiale capaci di assecondare le esigenze e le peculiarità di qualsiasi turista italiano o straniero.

“Il tutto accompagnato da un’attentissima politica dei prezzi degli albergatori italiani che da soli hanno attuato iniziative promozionali ed offerte in grado, alla luce dei risultati, di invertire la tendenza generalizzata dettata da una crisi economica ancora di là dall’essere superata.

“Sono stati i week end sulla neve i veri protagonisti di questa lunga stagione sciistica, -evidenzia il Presidente degli albergatori italiani- che hanno registrato complessivamente quasi 5 milioni di sciatori (ai quali vanno aggiunti altri 900 mila appassionati che hanno effettuato anche la settimana bianca) tra maggiorenni e minorenni, seguiti dagli oltre 4,7 milioni di sciatori che hanno optato per una tradizionale settimana bianca.

“Del pari -conclude Bocca- soddisfa il giro d’affari complessivo del turismo bianco che dovrebbe chiudere attorno ai 6,6 miliardi di Euro per un incremento dell’11,6%”.

CONSUNTIVO/PREVISIONI SETTIMANE BIANCHE

E WEEK END SULLA NEVE

L’indagine consuntivo/previsionale è stata effettuata dall’Istituto ACS Marketing Solutions dal 22 al 26 febbraio intervistando con il sistema C.A.T.I. un campione di 3.500 italiani maggiorenni rappresentativo di oltre 50 milioni di connazionali maggiorenni.

Il campione è stato costruito in modo da rispecchiare fedelmente la popolazione di riferimento (oltre 60 milioni), tale da includere anche i minorenni, mediante l’assegnazione di precise quote in funzione di sesso, età, Grandi Ripartizioni Geografiche, Ampiezza Centri ed istruzione.

I RISULTATI IN SINTESI – Oltre 9,7 milioni di italiani (rispetto ai quasi 8,7 milioni del 2015), tra maggiorenni e minorenni, sono stati o saranno da gennaio a marzo in località sciistiche dell’Italia e dell’estero, per una crescita del 12% circa.

Nel dettaglio 4,72 milioni di italiani tra maggiorenni e minorenni (rispetto ai 4,14 milioni del 2015) hanno trascorso o trascorreranno una settimana bianca, segnando un incremento del 14%.

Di questi 901 mila hanno effettuato o effettueranno anche almeno un week end sulla neve (come nel 2015).

Coloro che invece hanno effettuato o effettueranno solo dei week end sulla neve sono stati o saranno circa 5 milioni tra maggiorenni e minorenni (rispetto ai 4,54 milioni del 2015) per un incremento del 10,1%.

Il giro d’affari delle settimane bianche sarà di 3,31 miliardi di Euro (rispetto ai 2,76 miliardi di Euro del 2015) per un incremento del 19,6%.

Il giro d’affari generato dai week end sulla neve sarà di quasi 3,4 miliardi di Euro (rispetto ai 3,2 miliardi di Euro del 2015) per un incremento del 5,1%.

Il giro d’affari complessivo del turismo bianco nel 2016, considerando tutte le voci di spesa, sarà pari a 6,64 miliardi di Euro (rispetto ai 5,95 miliardi di Euro del 2015) per un incremento dell’11,6%.

Le Regioni più gettonate saranno il Trentino-Alto Adige che resta la regione leader con il 25% della domanda (rispetto al 24% del 2015), seguito dal Piemonte con il 12,6% (11,5% del 2015), dalla Valle d’Aosta con l’11,9 (7,6% del 2015), dalla Lombardia con il 7,2% (6,4% del 2015), dalla Toscana con il7,1% (3,2% nel 2015), dal Friuli Venezia Giulia con il 6,4% (5,1% nel 2015), dal Lazio con il 5% (come nel 2015), dal Veneto con il 4,5% (5,1% nel 2015) e dall’Emilia Romagna col 4,2% (3,2% nel 2015).

Infine il 95% è rimasto in Italia (rispetto all’86% del 2015) mentre il 5% (rispetto al 14% del 2015) è andato o andrà all’estero.

LE SETTIMANE BIANCHE – Saranno 4,72 milioni gli italiani tra maggiorenni e minorenni (rispetto ai 4,14 milioni del 2015) che si saranno potuti permettere una settimana bianca per un incremento del 14%.

Relativamente alla struttura prescelta il 33,8% dei rispondenti afferma di aver optato per un soggiorno in albergo (rispetto al 35,1% del 2015), seguono, nella graduatoria, la casa di parenti o amici (23,8% rispetto al 21% del 2015), la casa di proprietà (11,3% rispetto all’11,5% del 2015), l’appartamento in affitto(10,2% rispetto all’8,9% del 2015), i rifugi alpini (9,9% rispetto all’8,9% del 2015) ed il residence (3,4% rispetto al 6,3% del 2015).

In lieve crescita la spesa media pro-capite ottenuta considerando tutte le voci di spesa (viaggio, vitto, alloggio, impianti e corsi di sci, divertimenti): 701 Euro, rispetto ai 668 Euro registrati nel 2015 per unincremento del 4,9%.

WEEK END SULLA NEVE (anche di chi ha fatto la settimana bianca) – Saranno circa 901 mila gli italiani tra maggiorenni e minorenni (rispetto agli 899 mila del 2015) che si saranno potuti permettere almeno un week end oltre la settimana bianca.

Relativamente alla struttura prescelta il 25,2% dei rispondenti afferma di aver optato per un soggiorno inalbergo (rispetto al 30,8% del 2015), seguono, nella graduatoria, la casa di parenti o amici (21,5% rispetto al 23% del 2015), la casa di proprietà (21,1% rispetto al 18% del 2015) ed i rifugi alpini (10,8% rispetto al 7,7% del 2015).

Incrementata, rispetto alla rilevazione dello scorso anno, la spesa media pro-capite ottenuta considerando tutte le voci (viaggio, vitto, alloggio, impianti e corsi di sci, divertimenti): pari a 428 Euro rispetto i 423 Euro del 2015.

WEEK END SULLA NEVE (di chi non ha fatto la settimana bianca) – Saranno circa 5 milioni gli italiani tra maggiorenni e minorenni (rispetto ai 4,54 milioni del 2015) ad aver effettuato almeno un week end sulla neve (+10,1%).

Relativamente alla struttura prescelta il 28% dei rispondenti afferma di aver optato per un soggiorno in albergo(rispetto al 33,2% del 2015), seguono, nella graduatoria, la casa di parenti o amici (21,3% rispetto al 19,2% del 2015), i rifugi alpini (13,8% rispetto al 10,1% del 2015), i Bed & Breakfast (13,2% rispetto al 10% del 2015) e la casa di proprietà (10% rispetto all’11,4% del 2015).

In marginale calo la spesa media pro-capite: ottenuta considerando tutte le voci (viaggio, vitto, alloggio, impianti e corsi di sci, divertimenti): 315 Euro per persona rispetto ai 329 Euro del 2015.

© 2016, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. mario scrive:

    e certo visto l’andamento disastroso di dicembre….

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox