Pubblicato il: gio, Dic 11th, 2014

Uccellini venduti sino a 1.000 euro, stroncato grosso traffico di fauna selvatica

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

forestale uccelliVasta operazione di Polizia Giudiziaria condotta dal Corpo forestale dello Stato del Comando Regionale Toscana ed il Corpo di Polizia Provinciale di Firenze e Perugia coordinata dalla Procura della Repubblica di Firenze. L’operazione ha impegnato oltre 150 persone in divisa tra la Toscana, l’Umbria e la Campania, per una pluralità di perquisizioni locali e domiciliari disposte dalla competente Autorità Giudiziaria fiorentina.
Le ipotesi di reato sono per i 9 indagati l’associazione a delinquere, la ricettazione, il traffico di fauna selvatica e il maltrattamento di animali.
Un’organizzazione che impegna numerosi soggetti dediti alla cattura illecita di uccelli da richiamo in Campania per poi rivenderli in varie parti di Italia. Il nome dell’operazione trae il nome dal termine scientifico di un tipo di uccello commercializzato illegalmente: la cesena Turdus Pilaris. Oltre alla cesena altre specie che nutrono molto interesse come fauna ornitica da richiamo sono il tordo bottaccio, il tordo sassello ed il merlo.
Il centro del traffico risulta la Toscana, nelle province di Firenze, Pisa, Pistoia, Lucca ed Arezzo, dove gli animali vengono smistati per la vendita.
Gli uccelli vengono trasportati in piccole gabbie stipati all’interno dei veicoli in pessime condizioni tanto che alcuni soggetti muoiono durante il viaggio.
Circa 2 mesi fa il Corpo forestale e Polizia Provinciale in collaborazione con la Polizia Stradale di Battifolle (AR) avevano intercettato un carico di circa 500 uccelli provenienti dalla Campania e pronti per la vendita in Toscana e in Umbria.
Il giro di affari stimato attorno agli ambienti dei cacciatori e dei commercianti di uccelli da richiamo ammonta a circa 250.000 euro all’anno per ogni rivenditore. Ogni singolo uccello da richiamo, per le proprie qualità canore, può essere venduto anche a 1000 euro.
“Preme evidenziare – afferma la Forestale – che i risultati ottenuti sono il frutto di una intensa attività di intelligence e di collaborazione tra il Corpo forestale dello Stato  e del Corpo di Polizia Provinciale di Firenze entrambi Forze di Polizia deputate al rispetto ed al controllo delle e sulle normative ambientali, tra queste emerge  l’attività di controllo sulla fauna selvatica.

© 2014, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox