Adrian Ballinger, discesa con gli sci del Makalu

Le curve buone erano neve, le cattive erano ghiaccio e roccia. Tre punti importanti da chiarire (e per chiarire che una discesa sciistica più pulita attende qualcuno che la voglia in futuro). 1. A causa di condizioni, meteo e altri scalatori, ho iniziato a sciare 15 metri più o meno sotto la vetta vera; 2. Mi sono tolto gli sci per circa 60 metri di pura roccia nel Couloir francese; 3. Quando il mio cervello o il mio cuore non riuscivano a reggere più l’esposizione nelle zone più ghiacciate o rocciose, occasionalmente ho usato corde fisse.
Difficile descrivere come mi sento attualmente (di sicuro orgoglioso e umile). Un progetto lungo decennio ha portato ad una discesa (per me) incredibilmente speciale. Non è stato perfetto ma è stato il più perfetto che potessi eseguire.

Adrian Ballinger sul Makalu insieme a Dorji Sonam Sherpa e Pasang Sona Sherpa, poche ore prima della rapida salita di Karl Egloff e Nico Miranda. E poi giù con gli sci. La prima discesa con gli sci del Makalu!

LEGGI ANCHE Karl Egloff e Nico Miranda sul Makalu a tempo di record

Gli sherpa che erano con lui si sono offerti di portare un po’ della sua attrezzatura in discesa, così Ballinger è stato in grado di scendere senza uno zaino pesante.
I tre sono stati i primi a raggiungere la vetta del Makalu questa primavera e da quel momento è iniziata la seconda parte dell’avventura.

Adrian Ballinger aveva già tentato due volte la discesa con gli sci del Makalu, tutte e due le volte senza riuscirci.

Non è la prima avventura di questo genere per Adrian Ballinger. Ha già effettuato la prima discesa completa del Manaslu (2011) e ha sciato due volte sul Cho Oyu (2013 e 2016).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button