Alaska, Mark Thomas e Mike Turner aprono una big wall su Kichatna Spire

I due britannici in 12 giorni sulla parete est aprono "Thunderstruck" (33 tiri). Linea di 1.200 mt (VI A3+A4 6c)

Mark Thomas e Mike Turner, due guide alpine britanniche, aprono la big wall Thunderstruck sulla famosa Kichatna Spire (parete est). Ci hanno impiegato 12 giorni. 33 tiri. Dalla loro parte il meteo favorevole dell’Alaska in questa stagione e le condizioni della parete. Hanno beccato un solo temporale.

Turner aveva già provato la linea di 1.200 mt (VI A3+A4 6c) nel 2000 insieme a Stuart McAleese ma furono costretti a rinunciare per le condizioni della montagna, soprattuto per la fragile roccia iniziale.

Le cose si sono rivleate comunque subito difficili. Il team ci ha impiegato due giorni per superare il secondo tiro. Poi sforzi continui per avere la meglio. Hanno utilizzato artificiale o un misto di arrampicata libera e artificiale.

Kichatna Spire
mike turner

Mike Turner Il miglior tempo in 22 anni di arrampicata dell’Alaska. 35 anni dopo e ancora appeso a Big Walls. Lo adoro ancora. Godersi lo spazio, il cielo e le viste maestose. Si tratta di vivere il momento e godersi l’intero pacchetto di arrampicata, sofferenza ed esperienza condivisa. Dimenare le dita dei piedi sul bordo di una piccola sporgenza rocciosa ogni sera è come andare in spiaggia per gli altri. In particolare l’amicizia e il lavoro di squadra della scalata. Con solo noi due non c’era nessun altro a cui appoggiarsi per condividere il carico di lavoro. Affidarsi totalmente al proprio compagno di arrampicata è essenziale. Mark Thomas è sicuramente lo scalatore più duro con cui sono stato fortunato a legare. Questo ragazzo è probabilmente uno dei più sottovalutati alpinisti britannici. Non ha scalato con nessuno vicino per ritmo di lavoro, capacità tecnica e forza. Un mostro.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button