Colin O’Brady e la 1^ traversata Antartide in solitaria e senza assistenza

Impresa dello statunitense nel 2018: 54 giorni per percorrere 1.500 km trascinando una slitta di 170 kg

Antartide: lo statunitense Colin O’Brady a fine 2018 ha effettuato la prima traversata del continente ghiacciato da solo, senza assistenza e in completa autonomia. L’esploratore americano ci ha impiegato 54 giorni per percorrere 1500 km.

Un lungo viaggio

O’Brady iniziato il suo viaggio il 3 novembre 2018, ha raggiunto il Polo Sud il 13 dicembre e ha concluso il tutto il 26 dicembre. Lungo il percorso, non ha avuto nessun supporto esterno, avevo tutto il necessario su una slitta di 170 kg.

Non era il solo a tentare

O’Brady ha avuto a che fare con tantissime difficoltà: la distanza, il cattivo tempo, la solitudine. Ma non solo. Aveva a che fare anche con un concorrente, se così vogliamo dire. Il capitano dell’esercito britannico Louis Rudd, anch’egli in Antartide, anch’egli con la stessa missione. O’Brady è partito con un giorno di anticipo e se l’è conservato sino alla fine.

Il primo da solo e senza assistenza

Ciò che ha fatto lo statunitense non lo aveva mai fatto nessuno. Il norvegese Borge Ousland è stato il primo avventuriero ad attraversare l’Antartide da solo da mare a mare oltre il Polo Sud nel 1996-97. Tuttavia, con sè aveva un grande aquilone per trascinargli le sue cose, ingegno considerato assistenza esterna.

Articoli correlati

Back to top button