Corte Suprema: non vedenti e disabili tornano sull’Everest

linville everest

Battaglia vinta. Ieri è arrivato il verdetto della Corte Suprema in merito alle petizioni presentate che volevano la rivisitazione della norma del Governo nepalese sul divieto di spedizioni alpinistiche per non vedenti e amputati. Ciò riguarderà l’Everest e le altre montagne sopra i 6.500 metri.

La delibera del Governo nepalese ha subito alzato un bel polverone nel mondo alpinistico. E non solo. In tanti chiedevano la revoca della disposizione contenuta nel nuovo regolamento sulle spedizioni alpinistiche. E ora hanno avuto ragione. Dicevano che violavano apertamente i diritti umani tutelati dalla costituzione e dalla convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, di cui il Nepal è firmatario.

Ora, come dichiarato dal direttore del dipartimento del turismo nepalese, verrà applicata da subito la disposizione contenuta nella sentenza della Corte Suprema.

© 2018, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button