Corte Suprema: non vedenti e disabili tornano sull’Everest

linville everest

Battaglia vinta. Ieri è arrivato il verdetto della Corte Suprema in merito alle petizioni presentate che volevano la rivisitazione della norma del Governo nepalese sul divieto di spedizioni alpinistiche per non vedenti e amputati. Ciò riguarderà l’Everest e le altre montagne sopra i 6.500 metri.

La delibera del Governo nepalese ha subito alzato un bel polverone nel mondo alpinistico. E non solo. In tanti chiedevano la revoca della disposizione contenuta nel nuovo regolamento sulle spedizioni alpinistiche. E ora hanno avuto ragione. Dicevano che violavano apertamente i diritti umani tutelati dalla costituzione e dalla convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, di cui il Nepal è firmatario.

Ora, come dichiarato dal direttore del dipartimento del turismo nepalese, verrà applicata da subito la disposizione contenuta nella sentenza della Corte Suprema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button