Edmond Joyeusaz, impresa sulla Poire del Monte Bianco

Ha effettuato la prima discesa in sci della via aperta da Comino e Grassi nel '79

Edmond Joyeusaz, guida alpina e maestro di sci di Courmayeur, lunedì scorso ha effettuato una discesa dalla cima del Monte Bianco a sinistra dei seracchi della Poire. Un’impresa degna di nota.

Edmond Joyeusaz Ho ripercorso in discesa la via aperta da Comino e Grassi nel 1979. È sicuramente la discesa più impegnativa che abbia mai fatto; per “engajement” e difficoltà tecniche, si tratta inoltre di una prima.

leggi anche Edmond Joyeusaz: discesa dalla vetta del Cervino con gli sci

Parola a Edmond Joyeusaz

Non doveva essere per quest’anno, poi il Covid mi ha costretto a cambiare programma. Avrei dovuto terminare il mio progetto di discese nel Vallese, (Swiss4000SteppSki) ma, l’incertezza sugli spostamenti oltre confine e la possibilità di rimanere di nuovo agli “arresti domiciliari” nel momento in cui fossi rientrato in Italia, mi hanno convinto ad anticipare il progetto di sciare “La Poire”. La Poire è uno sperone roccioso che si trova poco sotto la cima del Monte Bianco, visto dal basso ha la forma inconfondibile di una pera. Il versante Brenva del Monte Bianco è il più selvaggio, aspro e per dimensioni non ha nulla da invidiare alle pareti più blasonate delle montagne Himalayane. Su questa parete si sono cimentati alcuni tra i più forti alpinisti di tutti i tempi, che hanno aperto vie che fanno oramai parte della storia dell’alpinismo.

L’idea di sciare dalla cima del Monte Bianco ripercorrendo in discesa la via aperta nel 1979 da Gianni Comino e Giancarlo Grassi mi è venuta osservando la montagna dal balcone di casa. Dopo anni di osservazione e valutazioni, ho individuato un possibile itinerario che dalla cima del Monte Bianco di Courmayeur scende quasi verticalmente tra la Poire e i ripidissimi speroni di roccia della vicina Aiguille Blanche fin sul ghiacciaio della Brenva per 1.500 metri di dislivello.

Si tratta di una discesa che non ha precedenti per difficolta tecniche, esposizione ai pericoli oggettivi e dislivello totale.

leggi anche Edmund Joyeusaz: 1^ discesa integrale con sci della sud Weisshorn

  • Edmond Joyeusaz
  • Edmond Joyeusaz
  • Edmond Joyeusaz
  • Edmond Joyeusaz
  • Edmond Joyeusaz
  • Edmond Joyeusaz

La discesa di Edmond Joyeusaz

Lunedì 25 maggio 2020 sulla cima del Monte Bianco, la temperatura era abbastanza fredda, intorno ai – 15° con raffiche di vento da ovest fino a 30 km/h. La neve non era dura, ma ventata come spesso accade a quelle quote. Scendendo verso il Monte Bianco di Courmayeur (4.748m.) le pendenze sono dolci, così, ho avuto modo di prendere confidenza con il ripido. Avevo sciato pochi giorni prima, nell’ultima seduta di allenamento, ma mai su pendenze importanti; anche al sottoscritto, il Covid 19 ha creato non pochi problemi, per mantenere un minimo di allenamento decente.

Proseguendo, dalla cima del Monte Bianco di Courmayeur, le pendenze diventano subito serie, lasciato il primo seracco sulla sinistra, un ripido canale, per fortuna innevato, permette di accedere al seracco di sinistra della Poire. Quando si osserva questa parte del Monte Bianco dal fondo valle, si ha la sensazione che l’ambiente lassù sia maestoso, ma essere lì, è davvero impressionante. Il ghiaccio del seracco ha uno spessore di almeno 300 metri e ti rendi conto, che tra quei ghiacci sei un essere insignificante, un palazzo di 10 piani di ghiaccio potrebbe crollare in qualsiasi momento e spazzarti via. Ma anche un piccolo pezzo di ghiaccio grosso come una pallina da tennis se ti colpisce potrebbe farti precipitare.

Nei giorni precedenti la discesa, ero stato in volo a perlustrare i seracchi e i canali; le condizioni sembravano buone, anche se non ero riuscito ad avvicinarmi molto, c’era parecchia discendenza a più di 4000 metri, facevo faticata a mantenere la quota, ma poi, il forte vento da nord-ovest che aveva soffiato domenica 24 pomeriggio, ha peggiorato notevolmente le condizioni della montagna. La neve era stata spazzata via, risultato: in tanti punti era affiorato il ghiaccio, che rendeva la discesa notevolmente più difficile e pericolosa.

Superato il primo seracco, non ci sono possibilità di fuga, si deve per forza scendere oppure ritornare a monte scalando, non c’è nessuna possibilità di uscire lateralmente da quell’enorme imbuto di ghiaccio e rocce verticali.

Sono state necessarie 3 corde doppie (120m) per superare la parte sottostante al seracco completamente priva di neve. Successivamente, una stretta lingua di neve in cui stavano a mala pena i miei sci, mi ha permesso di sciare fino alla base del Pilier d’Angle per un totale di 1500 metri di dislivello. La discesa che ho realizzato è sicuramente la più difficile che abbia affrontato nella mia carriera; molto articolata, con pendenze costanti, spesso sopra i 55° con alcuni tratti a 60°.

Su questo versante del Monte Bianco a partire dai primi anni ’70 si sono cimentati tutti i più forti sciatori estremi:

  • Nel giugno del 1973 Heini Holzer scende lo sperone della Brenva.
  • Nel 1977 Patrick Vallençant e Anselme Baud scendono dalla cresta di Peuterey.
  • Nell’ aprile del 1978, Toni Valeruz, viene deposto in cima al Monte Bianco da un elicottero e scende con gli sci dal Gran Couloir centrale della Brenva, che scende diritto dalla calotta del Monte Bianco, tra il crestone della Via Major e la via della Sentinella Rossa.
  • Nel 1979 Gianni Comino e Stefano de Benedetti scendono dallo sperone della Major.
  • Nel 1988 Pierre Tardivel realizza la prima discesa con gli sci del Pilier d’Angle dopo essere stato depositato sulla cima da un elicottero.

Sono particolarmente soddisfatto e fiero di aver lasciato anch’io una “traccia” su questo magnifico versante del Monte Bianco. Ringrazio il team che da anni mi accompagna in queste avventure: l’amico e guida alpina Arturo Jacquemod per l’assistenza tecnica. Jean-Marie Rossi per le immagini e i video. Simone Vigna per le immagini con il drone.

LA BRENVA CENNI STORICI

Il nome della Brenva è legato a quello di un inglese Thomas Graham Brown, l’ultimo grande personaggio dell’alpinismo inglese che agisce sulle Alpi prima del secondo confitto mondiale.

In pochi anni risolve in modo straordinariamente elegante tutti i problemi della grande parete: nel 1927 scala la sentinella Rossa, nell’agosto del 1928 la Major e nel 1933 la Poire.

Il 5 agosto 1933, Thomas Graham Brown completa il suo fantastico trittico, e con Alexander Graven e Alfred Aufdenblatten supera lo sperone posto più a sinistra, nel settore più selvaggio di tutta la parete, dove una curiosa torre rocciosa a forma di pera (“la Poire”) si incunea tra due gigantesche cascate di seracchi.
La Pera è l’unica porta di accesso alla parte superiore della parete, anzi un piccolo picciuolo di roccia permette proprio di innestarsi ai pendii di ghiaccio superiori.

Questa è certamente la via più difficile e rischiosa del versante Brenva, in quanto per giungere alla base è necessario attraversare tutti i canaloni che servono da scarico alle valanghe. Ma, è anche quella che offre l’ambiente più selvaggio, una salita che lascia emozioni e ricordi incancellabili.

  • 1865 – 15 luglio. Le guide Svizzere Jakob e Melchior Anderegg accompagnano un gruppo di alpinisti inglesi tra questi Adolphus Warburton Moore l’ideatore del progetto salgono al Monte Bianco per lo Sperone della Brenva, superando senza ramponi, gradinando, pendenze vicine ai 60°.
    Moore fu l’ideatore e l’animatore dell’impresa, infatti oggi il colle di accesso allo sperone porta il suo nome. La salita dello sperone della Brenva, è uno degli itinerari più classici ed eleganti dell’intera catena alpina.
    Purtroppo il 17 agosto 1956 Arturo Ottoz, la guida più in vista di Courmayeur in quell’epoca viene travolto da una valanga ai piedi della via Major, aveva già scalato questa via nel 1953 con Toni Gobbi.
  • 1957 – 1/2/3 agosto. Il Grand Pilier d’Angle è venuto alla ribalta nel mondo alpinistico, quando Walter Bonatti e Toni Gobbi superarono la parete Est-Nordest, un pilastro alto più di 900 metri.
  • 1959 il 13 settembre. Carlo Mauri, realizza la 1ª Solitaria della Poire 9 marzo. Sempre nel 59 Walter Bonatti con Gigi Panei, realizzano la Prima salita invernale del Monte Bianco per la via della “Sentinella Rossa”
  • 1969 febbraio. Alessio Ollier e Attilio Ollier con Franco Salluard, realizzano la 1ª Invernale della Poire
  • 1975- febbraio. Mitsunori Shigi, realizza la 1ª solitaria invernale della Via Major.
  • 1976 – marzo. Mitsunori Shigi, realizza la 1ª Solitaria Invernale della Poire
  • 1979 – notte tra il 10-11 agosto. Gianni Comino e Giancarlo Grassi salgono dal Seracco a sinistra della Poire . Ardua ascensione in ambiente eccezionalmente severo, pericolosissima per la caduta di ghiaccio.
  • Nel 1980 Gianni Comino perde la vita cercando di scalare il seracco racchiuso tra gli speroni della Major e della Poire che sbarra il camino alla parte alta del monte bianco Ormai nei pressi dell’uscita, Comino viene colpito da una scarica e precipita.

Edmond Joyeusaz

 

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

2 Commenti

  1. Orgoglioso di aver conosciuto Edmond personalmente!
    Non conoscevo ancora le sue imprese ma ho subito apprezzato le sue doti umane e di Guida alpina, professione svolta non facendo pesare il suo curriculum di grande sportivo ma trasmettendo la sua passione per la montagna (e per il volo…).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button