Eremit, la nuova via di Messner e Sieberer

Nel famoso anfiteatro ghiacciato di Pinnisalm (Tirolo). La via aperta l'hanno chiamata “Eremit” (M9-, WI7-, R)

Simon Messner e Martin Sieberer siglano un’altra bella salita. Nel famoso anfiteatro ghiacciato di Pinnisalm (Tirolo). La via aperta l’hanno chiamata “Eremit” (M9-, WI7-, R). Si son fatti un regalo nei giorni del riconoscimento del Premio Paolo Consiglio (insieme ai Ragni).
Ci troviamo nella Valle dello Stubai, e qui, come ricorda Messner, Andi Orgler e compagni tra gli anni ’80 e ’90 hanno fatto belle cose.

Simon Messner Dopo un primo tentativo l’8 febbraio  (dove abbiamo aperto il percorso parzialmente tecnico, A2), abbiamo gestito ieri (15 febbraio) l’ascesa libera in stile Trad.

La via Eremit

Ci troviamo in una delle zone di arrampicata su ghiaccio più famose del Tirolo. La maggior parte delle vie come “Uomini senza nervi”, “Land in the Stream”, “Curtain”, “Ladder to Heaven”, “Metamorphosis”, “Magician”, “Comet”, “Candle” e “Lumber room” furono create, come detto, da Andi Orgler e i suoi partner.

Messner Vie rimaste avventurose sino ad oggi. Un’etica che ci piace e che serve da orientamento per le nostre azioni.

Bene, l’avventura è iniziata lo scorso 8 febbraio 2021 quando i due si sono avvicinati alla loro meta sulla neve. Il loro progetto era di tentare in libera una delle ultime linee logiche nel settore “Anfiteatro” che tira su “l’era glaciale” a destra della cascata e la “scala del paradiso” a sinistra.

Messner Il primo tiro segue verso destra una fessura strapiombante e molto scheggiata fino a raggiungere il ghiaccio. Siamo stati in grado di scalare tecnicamente questa roccia fragile al primo tentativo (A2-A3), ma non abbiamo pensato a una salita in libera: troppo fragile e difficilmente giustificabile per essere sicura!
Ma la parte di arrampicata era finita, ora si trattava del secondo tiro. Dato che faceva molto caldo e il ghiaccio è stato spazzato via, questo campo è diventato un gioco nervoso. Martin si è arrampicato su ghiaccio soffice e cattivo fino a raggiungere un sottile strato di ghiaccio – l’unica speranza di rialzarsi. Ma lo smalto si è rotto al primo colpo con la piccozza. Martin si trovava ora di fronte a un ripido e liscio pendio roccioso.
Martin ha preso in mano la situazione con tutto il suo coraggio e la sua abilità e ha scalato la roccia (e senza alcun mezzo di sicurezza) fino a raggiungere nuovamente il ghiaccio (WI7-).

Esattamente una settimana dopo, il 15 febbraio Messner e Sieberer sono tornati al loro progetto.

 

Eremit
simon messner/martin sieberer

 

Messner Martin ed io siamo tornati per provare la nostra prima arrampicata in libera. L’auto segnava -13 gradi, non le migliori condizioni per salire liberamente una linea di misto così ripida (e fragile). Ma “se non ci provi, non vincerai” … così siamo entrati.
Dopo aver risalito la roccia, in parte tecnicamente, e lasciato i punti essenziali della via, Martin ha fatto un primo tentativo. Lui ed io siamo riusciti a salire questo tiro liberamente (M9, trad e fragile). Il risultato è stato una delle ultime linee logiche di ghiaccio e misto nel Pinnistal. Con l’eccezione di due chiodi e un pecker.
La prima salita vorrebbe che la linea rimanesse nelle sue condizioni originali. La via è stata aperta in questo stile e di conseguenza dovrebbe rimanere tale.

fonte

© 2021, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button