Everest più alto di 86 cm. Ora è 8848,86 metri

Cina e Nepal d'accordo sulle nuove misurazioni effettuate nel 2019 e 2020

Everest cresciuto. Cina e Nepal hanno trovato l’intesa sulla montagna più alta del mondo. L’Everest misura 8848,86 metri, vale a dire 86 centimetri rispetto alle cifre finora nota.

Il Nepal era ancora a quota 8848 dalla misurazione effettuata nel 1954. Per la Cina, secondo una rilevazione del 2005, la cima raggiungeva 8.844,43. Molte sono stat ele misurazioni sinora effettuate. Anche gli italiani, con Ardito Desio e EvK2CNR.

In ballo c’era una differenza di 3 metri che alla fine è stata cancellata.

Dopo il terremoto del 2015 i due Paesi hanno deciso di avviare nuove misurazioni.

Le due misurazioni

Nel maggio 2019 la spedizione organizzata dal Governo del Nepal era in vetta. Misurazioni effettuate con gps e radar. Non solo. I topografi hanno anche effettuato misurazioni da ben 8 siti diversi con moderni laser.

Poi è toccato ai cinesi. Questa primavera. In vetta il 28 maggio 2020. Si sono avvalsi della rete di satelliti BeiDou.

Ambasciata cinese in Italia Il presidente Xi Jinping e il suo omologo nepalese Bhandari si sono scambiati lettere per annunciare che l’altezza del monte Qomolangma (Everest) è di 8848,86 metri, ponendo fine a dibattiti sulla differenza di 3 metri che i due vicini hanno sulla vetta più alta del mondo.

everest cinesi topografi
Topografi cinesi sull’Everest la scorsa primavera

L’altezza della montagna potrebbe essere variata recentemente dopo il terremoto di magnitudo 7.8 che nel 2015 ha colpito il Nepal provocando circa 9000 morti.

LEGGI ANCHE Everest, le misurazioni

I topografi installarono strumentazone in sei punti differenti sulla montagna. Sono stati calcoli complessi e ci ha voluto tempo per eliminare ogni margine di errore causato da vari fattori. Si attendeva il responso, infatti, già la scorsa estate.

I team in vetta hanno anche misurato la profondità di neve e ghiaccio in vetta.

La spedizione cinese

L’arrivo in vetta il 27 maggio 2020, alle ore 11. La via era stata completamente aperta da 6 guide di alta montagna cinesi. Un’operazione che ha facilitato l’ascesa dei topografi.

Questo era il terzo tentativo di vetta, i primi due falliti a causa delle condizioni meteo. Soprattutto forti venti e tanta neve.

Le guide in vetta: Dorje Tsering, Tenzing Norbu, Dompa, Tashi Gonpo, Tsering Norbu e Dorjee.

Lavori sull’Everest

La Cina ha approfittato dello stop sull’Everest per effettuare alcuni lavori. Innzitutto per portare la tecnologia 5G sulla montagna e poi ha installato degli impianti di smaltimento dei rifiuti al campo base.

Le infrastrutture 5G sono state installate in due campi ad altitudini di 5.300 metri e 5.800 metri, forniranno velocità di download di circa 1 gigabit al secondo.

In un secondo step altri infrastrutture sono state installate a 6.500 metri, fornendo così rete 5G anche in vetta all’Everest.

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button