Hochvogel, la montagna può crollare da un momento all’altro

In vetta alla montagna (2.592 mt), al confine tra Austria e Germania, si è aperta una grossa frattura che si ingrandisce di 1 cm al mese. L'allarme degli scienziati

Hochvogel, 2.592 mt, montagna situata al confine tra Austria e Germania, rischia di crollare. È oggetto di un monitoraggio scrupoloso dagli scienziati. A monte una frattura che ha tagliato a metà la vetta e continua ad allargarsi, rendendone imminente il crollo.

La frattura

Una frattura che ora misura cinque metri di larghezza e 30 metri di lunghezza. E si ingrandisce con la velocità di 1,23 cm al mese.

La frattura farà inevitabilmente crollare la montagna. Questo dicono gli scienziati che stanno monitorando la situazione.

Il comunicato stampa German Geoscience Research Center Potsdam (GFZ).

Parte del versante meridionale ha già ceduto di diversi metri, ma prima o poi franerà del tutto liberando fino a 260.000 metri cubi di roccia e terreno verso valle nella valle di Hornbach, in Austria.

Lo studio

I ricercatori della GFZ e dell’Università Tecnica di Monaco hanno installato una rete di sismometri sulla montagna, a una distanza di 30-40 metri l’uno dall’altro.

Altri fattori sotto osservazione degli esperti sono la temperatura e lo stress strutturale a cui sono sottoposte le rocce.

Nel 2018 gli scienziati registrarono una vibrazione durata per circa sette giorni a una frequenza da 26 a 29 Hertz. Questa vibrazione è stata interpretata correlata a un aumento delle tensioni nell’ammasso roccioso. Quando la frequenza è poi diminuita, i sensori hanno registrato un aumento delle fratture.

Durante le osservazioni negli ultimi due anni, gli esperti hanno stabilito anche un altro fenomeno: la vibrazione è più intensa quando la neve si scioglie e diminuisce quando la neve scompare, ossia l’acqua in circolazione, freddo e caldo influiscono sul fenomeno.

Prima o poi la montagna verrà giù, ma niente paura: non dovrebbe fare vittime, in quanto la valle è già off-limits.

 

Hochvogel

 

Qualche news in più sull’Hochvogel

L’Hochvogel è una montagna alta 2.592 metri (8.504 piedi) nelle Alpi dell’Algovia. Il confine nazionale tra Germania e Austria corre sopra il vertice. Sebbene sia solo la tredicesima vetta più alta delle Alpi dell’Allgäu, l’Hochvogel domina altre parti delle Alpi dell’Algovia e le altre catene nelle immediate vicinanze.

L’Hochvogel si trova da solo nella parte orientale del gruppo montuoso; le vette più vicine sono da 200 a 300 metri più basse.
L’Hochvogel è costituito dalla dolomia principale. Le montagne più alte e suggestive delle Alpi dell’Algovia sono tutte fatte di questa roccia.

La frana del 1935

La dolomia principale è fragile. Il diario della capanna della Prinz Luitpold Haus riporta una forte frana il 27 maggio 1935, quando migliaia di metri cubi di roccia dalla parete sud-ovest si schiantarono a valle.

Salite

Le edizioni più vecchie e ormai fuori stampa della Guida del Club Alpino (Alpenvereinsführer) per le Alpi dell’Algovia affermano che la montagna è stata scalata per la prima volta molto tempo fa.

Si dice che un ragazzo pastore di Hinterhornbach l’abbia già scalato già nel 1767. Nel 1818, i topografi presumibilmente trovarono un tumulo in rovina in cima.

La prima ascesa risale almeno al 1818, quando le Alpi dell’Algovia e la vetta dell’Hochvogel fu usata come punto di triangolazione.

Tuttavia, quando un uomo di nome Trobitius di Kempten scalò la vetta nel 1832, alcuni dei suoi concittadini si rifiutarono di credergli poiché la montagna era ancora considerata da molti inaccessibile.

Una delle salite turistiche più notevoli fu quella di Hermann von Barth, che pernottò in vetta nel 1869. Il 19 luglio di quell’anno partì da Sonthofen al mattino e raggiunse Hinterstein, viaggiando esclusivamente a piedi, dove si riposò a mezzogiorno verso le 12 prima di continuare.
Passando le alpi Bärgündlealpe, la sella Balkenscharte e il Kalter Winkel, ha raggiunto la vetta dell’Hochvogel intorno alle 8 di sera.
Il giorno successivo è salito a sud sul lato orientale della sponda sud-sud-occidentale nel circo Rosskar e ha proseguito fino a Hinterhornbach. Quel giorno giunse alla confluenza dello Schwarzwasserbach e del Lech, dove soggiornò in un rifugio alpino abbandonato. Il giorno successivo ha camminato attraverso Weißenbach e il Passo Gaicht fino a Nesselwängle, ha scalato l’Aggenstein e ha pernottato a Schattwald. Il quarto giorno del suo grande tour è tornato a Sonthofen in mattinata.

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button