Incidente Gran Sasso, uno dei due alpinisti romani ancora in rianimazione

L’incidente sul Gran Sasso, all’attacco cella ferrata Ventricini. Uno dei due alpinisti è precipitato l’altro è rimasto appeso alle corde riuscendo ad allertare i soccorsi

 

gran sasso

 

Il 2 gennaio scorso un altro grave incidente sul Gran Sasso, sul Corno Piccolo, all’attacco della ferrata Ventricini. Due alpinisti. Uno precipitato, l’altro appeso alle corde che riesce ad allertare i soccorsi.

Il primo è grave e viene immediatamente elitrasportato all’ospedale San Salvatore di L’Aquila, l’altro non ha riportato ferite gravi ma successivamente anch’egli viene condotto al nosocomio del capoluogo di regione. Una caduta a causa del ghiaccio nel canale del Tesoro nascosto.

Entrambi romani. Simone Franceschini, 30 anni; Renato Sforza, 49 anni.  Renato Sforza è ancora grave, è nel reparto di rianimazione a causa del grave trauma cranico riportato nella caduta. È arrivato incosciente al pronto soccorso. I medici lo tengono in coma farmacologico.

Simone Franceschini è stato dimesso ed è tornato a casa, in attesa di buone notizie per il suo amico.

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button