Intossicazione in un rifugio alpino, soccorse 40 persone

Allarme intossicazione in una casa vacanze ad Argentera, sulle montagne della valle Stura di Demonte, in provincia di Cuneo.

Alcuni ospiti hanno accusato malesseri vari, principalmente nausea e vomito, e nel rifugio, dove si trovava una quarantina di persone, sono intervenuti i soccorritori, Vigili del Fuoco e personale sanitario.

Nessuno in gravi condizioni, ma gli ospiti della struttura sono stati portati dai mezzi del 118 o dai familiari all’ospedale di Cuneo.
A tutti è stato assegnato un ‘codice verde’. La causa dei malesseri è stata attribuita al monossido di carbonio che ha invaso i locali.
La “Casa Alpina” di Argentera, in località Bersezio, è attrezzata per soggiorni estivi ed invernali delle famiglie del territorio delle parrocchie appartenenti alla ‘Unità Pastorale Langhe-Carrù’, comprendente Carrù, Piozzo, Clavesana, Bastia, Roccaciglié, Ciglié, Marsaglia ed Igliano.

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Back to top button