Morti e feriti in montagna, il dopo lockdown costa caro

Due morti e feriti sulle montagne piemontesi, uno scialpinista e un uomo che praticava canyoning

Morti e feriti in montagna, il dopo lockdown costa caro. Numerosi interventi del Soccorso alpino sulle montagne piemontesi con il ritorno alle escursioni in montagna dopo il lockdown. Bilancio: due morti.

Gli incidenti

Il primo è uno scialpinista di 50 precipitato a Punta Collerin, nella zona di Balme. Il secondo è un uomo che insieme a un compagno stava praticando canyoning in un torrente nel Vallone del Piantonetto.

Per molti piemontesi, complice il divieto di raggiungere località fuori regione, la montagna è stata la meta più gettonata: al casello di Bruere della tangenziale di Torino, quasi all’imbocco della Val di Susa, le immagini delle auto incolonnate lasciavano pensare più a un esodo estivo che al traffico di un’ordinaria giornata di primavera.

Molti anche i motociclisti, soprattutto in Alta Valle di Susa. Massiccia la presenza di carabinieri nel territorio della provincia di Torino per i controlli.

Due i morti

Il grosso degli incidenti si è concentrato tra le Valli di Lanzo e il massiccio del Gran Paradiso, nel Torinese. Un cinquantenne di San Maurizio Canavese stava praticando scialpinismo – specialità di cui era un esperto – a Punta Collerin, nei pressi di Balme, quando è scivolato sulla neve ed è caduto in un dirupo profondo cento metri.

Il canyonista era invece impegnato nella discesa di un torrente in piena nel Vallone del Piantonetto: per individuare e recuperare il corpo sono intervenuti una squadra di forristi del Soccorso alpino, i sommozzatori dei vigili del fuoco e un elicottero del 118; il compagno si è salvato.

I feriti

La giornata è stata scandita dal viavai delle eliambulanze tra le montagne e gli ospedali. Sono stati recuperati uno scialpinista precipitato da Punta Ondezana, nel territorio di Locana, due persone nel vallone del Rio Toglie (in Val di Viù) e al Santuario della Vaccherezza, vicino a Condove, con sospette fratture alle gambe, e un ragazzino morso da una vipera durante una passeggiata sul sentiero della ferrovia Decauville al lago di Malciaussia. A Caprile, nel Biellese, un gitante era scivolato ieri in un canale, nel Vallone Rio Molinaccio, ed è rimasto bloccato tutta la notte perché a causa della copertura telefonica carente ha potuto dare l’allarme solo in mattinata.

fonte: ansa

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button