Pau Capell si racconta

In questo video il runner spagnolo parla delle sue emozioni e del forte legame con l'UTMB

Pau Capell, l’asso dell’UTMB. A volte gli infortuni sono opportunità e questo è stato certamente il caso di Pau. Dopo aver subito un grave infortunio giocando a calcio nel 2012 – dove si è danneggiato al ginocchio e ai legamenti, i medici gli hanno suggerito di correre e allenarsi in montagna per aiutare con il recupero e rafforzare i muscoli.

È qui che è iniziata la sua carriera di trail running e nel 2013 Pau ha iniziato a gareggiare negli ultra-trail, dimostrando immediatamente un talento naturale per la disciplina.

  • Nel 2013, appena un anno dopo aver subito l’infortunio al ginocchio, Pau ha corso e vinto il suo primo evento di trail, mentre gareggiava anche nel triathlon, nel duathlon e nella maratona di Barcellona, ​​che ha completato in sole 2 ore e 58 minuti.
  • Nel 2014 ha iniziato a gareggiare regolarmente in gare di ultra corsa più lunghe (80 e 100 km) e ha ottenuto sette vittorie. Ha scoperto di eccellere quanto più lunga era la distanza e più dura la gara.
  • Nel 2014 ha conquistato la vittoria nell’Ultra Sierra Nevada (103 km) e nell’Ultra Trail Mallorca (112 km).
  • Finora, il 2016 è stata la sua migliore stagione fino ad oggi, con vittorie sia nel TDS du Mont Blanc a Chamonix (120 km) che nell’Ultra-Trail Australia (100 km).
  • Tuttavia, nel 2017 ha vinto anche la Trans Gran Caneria.
  • Con il tempo di 20 ore, 19 minuti e 7 secondi lo spagnolo Pau Capell ha vinto l’edizione 2019 dell’Ultra trail del Monte Bianco, corsa in montagna di 171 chilometri con 10.000 metri di dislivello positivo.
  • Nell’estate 2020 ci riprova, la sua missione è di chiudere l’UMTB, da solo, in meno di 20 ore. Non ci riesce per poco.

 

BREAKING 20

Questo era l’obiettivo di Pau Capell con Breaking 20: il sogno di percorrere il percorso UTMB di 171 km in meno di 20 ore. E lo ha fatto calzando le rivoluzionarie Flight Vectiv di The North Face.

 

LEGGI ANCHE Vectiv, The North Face lancia le rivoluzionarie scarpe da trail

 

 

Pau Quando ho iniziato l’anno, l’UTMB era uno dei miei obiettivi principali. Quando la gara è stata annullata, ero davvero triste. Avevo bisogno di un obiettivo per mantenermi motivato e in forma. Quindi ho pensato, perché non eseguire comunque il corso UTMB? E poi mi sono chiesto in che tempo avrei potuto farlo e ho pensato che 20 ore fossero possibili.

Un centinaio di spettatori aspettavano Pau sulla linea di partenza a Chamonix. Altri fiancheggiavano il sentiero per tutta la notte. Una grande folla è tornata a Chamonix per vederlo finire e ha raccolto 5.000 follower in più sui suoi canali social in meno di 24 ore. Nonostante la sua sorpresa e umiltà, è chiaramente un’ispirazione per molti.

La sfida più grande per me non è stata correre da solo. Era per controllare la pressione prima del progetto da parte dei media, della comunità in esecuzione e persino da me stesso. All’inizio sono stato in grado di gestirlo. Ma poche ore prima della gara non potevo più sopportare la pressione. Ero davvero, davvero nervoso e ho iniziato a piangere. È stato un momento critico per me. Sono totalmente esploso. È stato difficile sapere che tutti gli occhi del mondo del trail running erano su di me.

Tutto sparito appena ha iniziato a correre.

Ho usato i miei tempi dell’anno scorso come riferimento. Avevo programmato di correre un minuto più velocemente ogni ora fino alla pausa 20. Ero puntuale fino a circa 100 km, ma intorno a La Fouly ho cominciato a sentirmi stanco. Con Champex-Lac ho iniziato a pensare che forse non è possibile completare il corso sotto le 20 ore. Penso di aver corso troppo veloce all’inizio. Gli ultimi 40 km sono stati i peggiori che potessi immaginare: sapevo che non avrei potuto fermarmi per 20 ore. Stavo solo lottando per rompere il mio tempo dell’anno scorso.

Pau non ha completato l’intero corso UTMB in meno di 20 ore. Ma, a lungo termine, questo progetto ha finito per essere molto di più che rompere una barriera temporale.

 

 


Pau Capell

Data di nascita: 10/09/91
Sede: Sant Boi de Llobregat
Destinazione preferita: Chamonix
Montagna preferita: Montserrat (Barcellona)
Libro preferito: Corri o muori (Killian Jornet)
Film preferito: Braveheart
Cibo preferito: insalata con pasta
La più grande paura: la morte
Come mi rilasso: mi piace fare passeggiate con la mia ragazza e mangiare il gelato. Lo facciamo spesso il giorno prima della gara così posso staccare la spina.
Filosofia: amo correre da solo, ma ho bisogno di avere la mia famiglia e la mia ragazza con me nello spirito per godermelo davvero.
Ciò che ti ispira: l’impulso a migliorare per ogni gara ed essere il migliore, anche se non è facile ea volte non puoi ottenere più della gara precedente, è ciò che mi spinge avanti.
Parole per vivere: combatti per il tuo obiettivo, ma ama ciò che hai.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button