Portato via il Magic Bus di Into the Wild

Il Magic Bus rimosso perché rappresentava un pericolo per turisti e avventiurieri

Portato via il famoso Magic Bus di ‘Into the Wild’ dal sentiero dove si trovava da anni in Alaska. Il ‘magic bus’ è stato elitrasportato in una altra località in attesa di trovare una destinazione definitiva.

La motivazione: via il Magic bus di Into the Wild

Le autorità hanno deciso di rimuovere quella che ormai è una carcassa perché, vista la zona in cui si trovava, rappresentava un pericolo per turisti e avventurieri che cercavano di replicare le vicende di Christopher McCandless, il giovane protagonista del romanzo di Jon Krakauer ‘Nelle terre estreme’. McCandless morì di stenti in Alaska dopo un peregrinare di due anni per gli Stati Uniti.

Italiani tratti in salvo

Qualche mese fa, un gruppo di cinque escursionisti italiani lungo lo Stampede Trail furono tratti in salvo dalle autorità dell’Alaska di ritorno da una visita al bus abbandonato.

leggi anche Alaska, soccorsi 5 italiani partiti alla ricerca del bus di Into the wild

La storia di McCandless

Il Magic Bus è il vecchio autobus abbandonato, quello in cui si lasciò morire nel 1992 Cristopher McCandless, il protagonista del romanzo di Jon Krakauer Nelle terre estreme, basato sulla storia vera del ragazzo della Virginia.

Il film

Il libro, pubblicato nel 1996, arrivò sul grande schermo grazie a Sean Penn che ne fece il famoso film del 2007, Into the wild.

Protagonista della pellicola è l’attore californiano Emile Hirsch, che per la sua drammatica interpretazione ha vinto il premio come migliore attore dal National Board of Review. La colonna sonora del film è stata composta da Michael Brook, con canzoni di Eddie Vedder. Il brano Guaranteed ha vinto il Golden Globe per la miglior canzone originale.

magic bus into the wild

McCandless raggiunse le terre dell’Alaska dopo un viaggio post-laurea negli Stati Uniti, durato due anni. Dopo tanto girovagare dorme nel vecchio autobus e si nutre di selvaggina e bacche. Lo ucciderà lentamente un frutto selvatico velenoso.

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button