Caso Thomas Cook, piano di rientro si chiama Cervino e la Svizzera protesta

Il clamoroso caso di bancarotta Thomas Cook e il conseguente grande piano di rimpatrio sfocia in una piccola quanto curiosa grana diplomatica tra Gran Bretagna e Svizzera.

Il piano “tutti a casa” è stato chiamato Matterhorn (Cervino) e porta il nome di una campagna di guerra americana, Matterhorn appunto, dei B-29 americani contro l’aviazione giapponese.

La cosa non è piaciuta agli svizzeri. Accostare il nome del Cervino ad un caso di bancarotta di un tour operator? Il Cervino, dicono da Zermatt, è sinonimo di vacanza tranquilla, perché accostarlo a tutto ciò?

A protestare è stato l’ufficio del turismo di Zermatt per il danno di immagine arrecato:

Forse il governo britannico non sa che Matterhorn è un marchio internazionalmente protetto, un simbolo di vacanze tranquille e di qualità.

Non manca la stoccata ironica:

Forse l’esecutivo britannico voleva solo indicare ai viaggiatori colpiti dove potranno trascorrere le loro future vacanze senza pensieri”.

© 2019, all rights reserved.

Per segnalare refusi, imprecisioni e correzioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •