Cnsas: Slittino, rischi spesso sottovalutati

In tempo di crisi lo slittino, lo sport low cost per eccellenza, registra un vero e proprio boom, 14 novembre 2013. In Alto Adige ogni stagione sono 1,4 milioni le persone che preferiscono le piste da slittino a quelle da sci, spesso affollate. ANSA/ WILLY TSCHAGER

Alla luce della tragica morte di Emily, la bimba di 8 anni, morta la scorsa settimana in un incidente con la slitta sul Corno del Renon, in Alto Adige, si torna a parlare di sicurezza. I pericoli, infatti, vengono spesso sottovalutati. “In proporzione gli incidenti sulle piste da slittino sono più numerosi di quelli che avvengono sulle piste da sci”, mette in guardia Giorgio Gajer, presidente del soccorso alpino Cnsas del Cai altoatesino.
Gajer lamenta il grande numero di persone che non utilizzano il casco durante le discese con la slitta, mentre ormai non si vedono quasi più sciatori senza. Lo slittino in questi anni registra un vero e proprio boom, perché più economico dello sci e le piste sono meno affollate.

“Indispensabile è comunque – prosegue Gajer – un equipaggiamento adeguato, ovvero una buona slitta in legno, ovviamente il casco, per non dimenticare scarponi e guanti robusti”. Infine, anche la tecnica di discesa non va sottovalutata.

fonte: ansa

© 2019, all rights reserved.

Per segnalare refusi, imprecisioni e correzioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •