Pubblicato il: Mer, Mar 6th, 2019

Nanga Parbat, oggi le ricerche sulla via Kinshofer

sms_solidale_944
Facebooktwitterlinkedintumblrmail

Dopo il nulla di fatto di ieri, oggi si ritenta sul Nanga Parbat. È quanto fanno sapere dallo staff di Daniele Nardi.

Alex Txikon pochi minuti prima delle 11, ora italiana, ha chiamato per informare che era nei pressi di campo 1, in discesa.
In mattina la sua squadra aveva raggiunto il plateau di seracchi sopra campo 2, a 300 metri in linea d’aria da campo 3. Con loro avevano i droni con i quali hanno provato in tutti i modi ad esplorare ogni possibilità sul terreno che potesse segnalare una traccia della presenza di Daniele e Tom, riuscendo a farne volare uno fino a 6500 metri di quota. Un drone è stato perso durante la perlustrazione. Ma non è stato visto nulla. Nemmeno campo 3.
La temperatura molto bassa sulla parete Diamir e il rischio elevato di caduta di valanghe non hanno consentito al gruppo di raggiungere a piedi campo 3. Per gli stessi motivi si è deciso di non proseguire nelle ricerche e di rientrare al campo base che è stato raggiunto nel pomeriggio.
Le relazioni dettagliate di Txikon alla famiglia e al Gruppo di ricerca hanno consentito di valutare un’ulteriore ricognizione nella giornata di domani (oggi, ndr) con obiettivo principale l’esplorazione della zona della via Kinshofer, la via di salita e discesa maggiormente percorsa e normalmente attrezzata con corde che rimangono infisse in parete, che potrebbe essere stata scelta dai Nardi e Ballard per la discesa.
La speranza rimane accesa e si affida alla generosità di Alex e del gruppo di amici che stanno operando al Nanga Parbat. Ringraziamo anche i tanti amici che in questo momento stanno dimostrando tutto il loro affetto alla famiglia di Daniele.

© 2019, all rights reserved.

Per segnalare refusi, imprecisioni e correzioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Facebooktwitterlinkedintumblrmail
Inline
Inline