Pubblicato il: sab, Mar 9th, 2019

Nardi-Ballard, il report di Txikon sui soccorsi al Nanga Parbat

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Questo il resoconto di Alex Txikon sulle attività di soccorso di questi giorni sul Nanga Parbat per recuperare Daniele Nardi e Tom Ballardi. Come detto in altro articolo oggi la famiglia ha comunicato lo stop delle ricerche. Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat.

Dopo 3 lunghi giorni di incertezza e disagio, finalmente gli elicotteri dell’esercito pakistano sono venuti a prenderci al campo base del K2 a mezzogiorno di domenica 3 marzo per le operazioni di soccorso al Nanga Parbat. Nel primo elicottero Félix e Ignacio, e nel secondo Josep e io. Tra tutti noi, abbiamo caricato più di 50 kg di materiale da utilizzare nelle operazioni di soccorso, telecamere, obiettivi, droni e materiale per stabilire i nostri campi a Nanga Parbat. Tra Concorde e Goro1 era molto poco visibile e la visibilità per i voli in elicottero è la chiave.

Una volta a Skardu abbiamo analizzato la situazione con i piloti del Fearless5 e siamo partiti per Juglot e poi ci siamo diretti verso la valle del Diamir poiché le condizioni non erano affatto favorevoli nell’area dei Fairy Meadows e di Raikot. Abbiamo sorvolato il piccolo villaggio di Diamoroi e da lì al villaggio di Ser, non abbiamo avuto molti problemi, ma improvvisamente tra Ser e Kachal, a causa della fitta nebbia era impossibile atterrare. Una volta a Skardu l’atmosfera era rarefatta tanto da non riuscire a raggiungere la destinazione.

I nostri pensieri sono sullo sperone Mummery. Alle 9.30 del mattino di lunedì 4, finalmente ci hanno chiamato dicendo che saremmo partiti a breve e a tutta velocità ci siamo preparati e in meno di mezz’ora eravamo già in volo. Torniamo a terra a Juglot per fare rifornimento e da lì andiamo al campo base del Nanga. Questa volta il tempo promette, e accorciamo dal versante del Raikot, sorvoliamo il Ganalo Peak per entrare nel versante del Diamir. Quante emozioni e ricordi nel vedere il Nanga Parbat, un brivido attraversa il nostro corpo nel vedere tanta bellezza. Abbiamo volato tra 5800 me 5400 mt tra la via Messner e la via Kinshofer senza alcun successo. Nel C1 a 4850 metri sull’altopiano sotto il Mummery vediamo che Ali, Imtiyaz e Dilawar hanno costruito l’eliporto e ci stanno aspettando. Gettiamo i bagagli all’eliporto del campo base, dove la prima squadra formata da Felix e Ignacio era già atterrata, per facilitare l’atterraggio in alcune manovre molto pericolose. Rimango da solo sull’elicottero e per poco più di 30 minuti ispezioniamo l’intero sperone Mummery tra 7000 e 5500 metri: questa è una missione molto complicata, il Nanga è la montagna più grande del pianeta e il Diamir sale più di 4.000 m sopra il CB. Dopo oltre 12 sorvoli le condizioni sono peggiorate e il volo inizia a essere molto più pericoloso, quindi siamo atterrati sul C1 con un’altra manovra molto delicata.

Ali Sadpara ed io ci siamo stretti in un caldo abbraccio, mentre Ignacio, Felix e Josep iniziano la loro ascesa dal campo base al C1. Ali Sadpara, Dilawar e io non perdiamo tempo e andiamo sulle prime rampe di ghiaccio cristalline che danno accesso allo sperone Mummery, mentre Imtiyaz aspetta il resto della squadra a C1. Iniziamo a scalare metri con molta determinazione. Abbiamo raggiunto il C2 a 5600m che è completamente distrutto da una presunta valanga. Continuiamo a salire fino dove vi è stato l’ultimo contatto con Daniele e Tom a c4. Abbiamo raggiunto un sito abbastanza sicuro e abbiamo pilotato il drone per ispezionare il terreno a 500 metri sopra di noi senza alcun successo. La prima valanga ci ha già avvertito, ma quello che è venuta dopo è di dimensioni enormi. La verità è che siamo stati molto fortunati. Per parlare di salite invernali devi sapere di cosa stai parlando, devi vivere questo tipo di situazioni; è tempo di capire il movimento del ghiaccio, di raccogliere tutte le informazioni possibili e capire se ritirarsi. Ci muoviamo con grande velocità per minimizzare i rischi, portiamo il peso minimo, in nessun momento installiamo corde fisse, conosciamo la difficoltà e l’esposizione a cui ci attacchiamo. Scendiamo in C2 e scopriamo la tenda di Daniele e Tom che è poco più di mezzo metro sotto la neve completamente distrutta. Troviamo uno zaino e scendiamo tutti gli effetti personali di Daniele e Tom a C1. Al nostro ritorno a C1 troviamo il resto della squadra che è arrivata dal campo base. Mentre Ali, Imtiyaz e Dilawar scendono al campo base, Ignacio, Felix, Josep e io decidiamo di rimanere per la notte a C1. Martedì, 5 ° giorno dopo una lunga e tesa notte, il trio pakistano arriva di nuovo da CB a C1. Questa volta, ricominciamo sulla strada per C3 Imtiyaz, Dilawar e io; il resto rimane a C1, ispezionando lo sperone con i teleobiettivi a lunga portata, il telescopio e il binocolo. Siamo praticamente a c3. Abbiamo sorvolato l’area con il drone e guardato con il binocolo per poco più di un’ora. Il Nanga Parbat non ha punti intermedi, al sole ti afferra e all’ombra fa così freddo che fanno di questa montagna una bomba a tempo.

Quindi, in un primo momento, abbiamo deciso di non risalire di nuovo dato il pericolo di valanghe. Scendiamo a C1, smontiamo tutto e decidiamo di scendere in direzione di CB. Già al campo base ci sono i nostri vecchi amici Attaullah (guida di Daniele e Tom), Latif e Ikramat Jan (polizia e sicurezza della spedizione), tra gli altri.

Il 6 marzo abbiamo lasciato di nuovo Ali, Imtiyaz, Dilawar e I in direzione C2 del percorso Kinshofer: siamo partiti alle 6.00 e sembra difficile raggiungere il C2 a 6200 mt, dato l’accumulo di neve che c’è. Faceva molto freddo, almeno meno 20 gradi sotto zero e siamo arrivati ​​in 1 ora e mezza a C1. Era una neve molto pesante. Scendiamo a CB e aspettiamo le istruzioni dei parenti di Daniele.

Lo stesso giorno iniziano a smantellare il campo base e non ci sono molte risorse. Aspettiamo l’elicottero che sembra essere già decollato 3 volte ma che non è ancora arrivato. Trascorriamo la notte come possiamo, dato che alcuni di noi non hanno portato sacchi a pelo per minimizzare il peso degli elicotteri.

Il 7 marzo, siccome non siamo esperti con le stufe a cherosene, mentre alcuni di noi dormivano, altri hanno preso un bello spavento e quasi ci bruciavamo. Di nuovo aspettiamo l’elicottero, il tempo è perfetto ma ci viene comunicato che è decollato almeno 2 o 3 volte e non è ancora arrivato. Verso le 15:00 abbiamo deciso di scendere a Ser visto che avevamo per tutto il giorno con un tè e 2 biscotti ciascuno. Discendiamo con molto peso attraverso la neve profonda. Alla fine, siamo arrivati ​​a Ser e abbiamo passato la notte alla Gunther Messner School.

8 marzo Grazie all’ospitalità e alla generosità delle sole 6 famiglie che abitano nel villaggio, riusciamo a mangiare. Abbiamo costruito l’eliporto, ma oggi l’elicottero non arrivavano e abbiamo deciso di proseguire la marcia verso Diamoroi con la squadra di arrampicata e un sacco di peso, il che rende i nostri progressi molto difficili. Comunque andiamo molto veloci. Da Diamoroi a Bunardas prendiamo u passaggio in un Suv.

9 marzo Siamo sulla strada per Skardu su strada. Ci vorranno circa 8-10 ore o giù di lì. Dopo aver parlato con le famiglie di Daniele e Tom, si decide che verrà rilasciato un comunicato ufficiale. Questo è stato parte di ciò che è accaduto in questi ultimi giorni lunghi e molto intensi e di un carico emotivo molto alto. A  breve vi daremo maggiori informazioni. Se non abbiamo dato più informazioni la scorsa settimana è stato dovuto al nostro impegno e rispetto verso le famiglie di Daniele e Tom con le quali ci siamo impegnati affinché ogni informazione in questo periodo venisse sempre dal loro team di comunicazione. Grazie mille per la vostra comprensione e per l’ottimo supporto ricevuto.

LA MONTAGNA UNISCE.

© 2019, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox