Valanga in Himalaya, 3 morti e 7 dispersi

Dalla Porta Maraini (5220m), il cratere di ghiaccio che la anticipa. Sullo sfondo il Zemu Gap. E' stata battezzata 'Porta Maraini'. Dal nome del grande Fosco, orientalista ed alpinista, oltre che scrittore e poeta, padre di Dacia. Porta Maraini - 'Fosco-a La' in tibetano - si trova a 5520 metri, nel cuore estremo Himalaya orientale, ai piedi di due tra le montagne più sacre del pantheon tibetano, il Pandim (6691 metri) e il Kanchenzonga (8586 metri). Un prestigioso nome italiano campeggia quindi, da qualche settimana, in una zona remota del Sikkim Settentrionale a testimonianza del legame culturale fra i due mondi. ANSA/PER GENTILE CONCESSIONE DEL CAPO SPEDIZIONE CAI +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES - NO ARCHIVE+++

Una valanga si è abbattuta su un passo delle montagne dell’ Himalaya, nel Kashmir sotto controllo indiano, uccidendo tre persone. Altre sette risultano disperse. Lo riferiscono le autorità.
Vittime e dispersi sarebbero operai che lavoravano in zona. La valanga ha colpito il passo di Khardung nella regione del Ladakh intrappolando dieci persone sotto la neve. Tre corpi sono già stati recuperati mentre i soccorritori stanno ancora cercando di raggiungere i dispersi. Le vittime, secondo fonti locali, erano operai che stavano lavorando nell’area.

fonte/foto: ansa

© 2019, all rights reserved.

Per segnalare refusi, imprecisioni e correzioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •