Al via il corso nazionale dei cani del Soccorso Alpino

Il 32° corso si terrà sull'Altopiano dei Sette Comuni. Provenienti cani da tutta Italia

Le unità cinofile del Cnsas tornano sull’Altopiano dei Sette Comuni: al via il 32° corso nazionale.
Dopo l’appuntamento del 2020, Gallio torna ad ospitare il corso nazionale del Cnsas, Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – CNSAS, che brevetterà le nuove unità cinofile da ricerca di superficie e molecolari.

Da tutta Italia

Cinquanta unità cinofile del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico provenienti da tutta Italia, a partire da sabato prossimo 29 maggio, si metteranno alla prova per una settimana sull’Altopiano dei Sette Comuni. Giunto alla 32a edizione, si svolgerà infatti il Corso unità cinofile ricerca superficie, Ucrs, e unità cinofile ricerca molecolari, Ucrm, che al suo termine permetterà l’operatività nelle regioni di appartenenza dei binomi cane-conduttore appena brevettati: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta, Veneto.

Le classi

Tre le classi esaminate: Puppy, con i cuccioli da 3 a 6 mesi alla prima esperienza di addestramento, che hanno già manifestato propensione a questo tipo di attività; Classe A, cani dai 6 ai 24 mesi sulle cui capacità operative, ricerca e motivazione si concentrano gli istruttori; Classe B, cani oltre 18 mesi dove il lavoro si sviluppa sull’interazione del binomio cane – conduttore rapportato agli scenari operativi. Il corso è suddiviso in due parti, dal 29 maggio al primo di giugno saranno valutati Puppy e Classe A (15 allievi), dal primo giugno al 5 giugno la Classe B (20 allievi) che concluderà il proprio percorso domenica mattina con un esame orale e scritto. Per il terzo anno saranno inoltre presenti le unità cinofile da ricerca molecolari, con 15 allievi, in azione dal 28 maggio al primo giugno. Il 4 giugno è in calendario la giornata delle vere e proprie simulazioni di ricerca, su scenari realistici e impegnativi, come la perlustrazione di grotte e gallerie, distribuiti in varie località dell’Altopiano dei Sette Comuni: Santuario del Buso della Madonna del Caravaggio, Val di Nos, Monte Melette, Monte Fior, Forte Lisser. Sarà presente anche un elicottero dell’Aviazione dell’esercito per le operazioni di imbarco, trasporto e sbarco. I candidati parteciperanno ai momenti formativi teorici e pratici tenuti per ogni specifica disciplina dagli istruttori nazionali del Cnsas, che poi li seguiranno per la valutazione finale nelle successive verifiche. Sabato 5 giugno si svolgerà la cerimonia di chiusura, con la consegna dei brevetti.
Durante il corso riprenderà l’attività formativa dei Tuc, tecnici di unità cinofile, una nuova figura di supporto agli istruttori nazionali nelle regioni di appartenenza.
I soccorritori dell’XI Delegazione Prealpi Venete contribuiranno come figuranti a rendere ancora più realistici gli scenari delle ricerche.
cnsas

© 2021, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button