Alla scoperta dei Villaggi degli alpinisti

In Italia due Comuni (Balme e Triora) entrano nella rete transfrontaliera dei Bergsteigerdörfer. Cosa sono i Villaggi degli Alpinisti e qual è la loro funzione?

Dopo Balme (Comune in Provincia di Torino) anche Triora, a distanza di una settimana, entra a far parte del circuito “Villaggi degli Alpinisti”.  La località in provincia di Imperia domenica 17 ottobre entrerà ufficialmente nella rete transfrontaliera dei Bergsteigerdörfer.

I Villaggi degli Alpinisti

I Villaggi degli Alpinisti uniscono località alpine immerse in una natura incontaminata, prive di strutture impattanti e caratterizzate dal permanere di tradizioni mantenute vive dalla popolazione. Messaggio: suggerire al visitatore-turista un approccio rispettoso dell’ambiente.

L’ingresso nella rete avviene dopo una proposta delle amministrazioni locali, le quali vengono selezionate dal Club alpino italiano, il quale fa parte di un gruppo di lavoro insieme ai club alpini degli altri Paesi aderenti.

Il borgo di Triora

Triora, poco più di 350 abitanti, si trova sul versante meridionale delle Alpi Liguri ed è caratterizzata da castagni e vigneti, conifere e pascoli, storie di streghe e di monaci. Escursionismo, cicloescursionismo, canyoning e arrampicata su roccia sono le attività praticabili nel suo territorio.
Il paese è noto per essere stato segnato dai processi di stregoneria, avvenuti tra il 1587 e il 1589. Alcune donne locali vennero accusate di essere responsabili di un’epidemia di peste, della morte del bestiame e della comparsa di piogge acide.

 

MAGGIORI INFO

 

 

Il presidente Cai, Vincenzo Torti Nulla più di questo concetto del villaggio degli alpinisti identifica puntualmente il fatto che un luogo, una collettività, possano essere annoverati tra coloro che rappresentano veramente la montagna. Dove le comunità e la loro accoglienza, si sommano con delle bellezze naturali, che non conoscono e non vogliono conoscere le derive di altre località che hanno perso la loro essenza. Insomma, la tradizione va conservata sia pure guardando ad un turismo moderno ma che sia sostenibile veramente e non a parole.

La filosofia

L’ammissione di nuovi Comuni è soggetta a criteri rigorosi.

  • Vicinanza con rispetto reciproco
  • Divertimento ad alto livello
  • Movimento con le proprie forze
  • Stimolo senza frenesia
  • Vivacità senza rumore

I Villaggi delgli alpinisti, si legge sul sito, si impegnano consapevolmente nell’attuazione del protocollo della Convenzione delle Alpi. La Convenzione delle Alpi è un trattato internazionale stipulato tra gli otto Stati alpini e l’Unione Europea, che ha come fine lo sviluppo sostenibile e la tutela delle Alpi.

La filosofia dei Villaggi degli alpinisti comprende le seguenti aree, su cui si basano anche i rigorosi criteri di selezione delle comunità:

Compiti e funzioni dei villaggi dell’alpinismo

I villaggi dell’alpinismo sono centri di sviluppo regionale esemplari nell’ambito del turismo alpino sostenibile con una tradizione corrispondente. Garantiscono un’interessante offerta turistica per gli alpinisti, vantano un’eccellente qualità paesaggistica e ambientale e sono impegnati a preservare i valori culturali e naturali del posto. Come centri di competenza alpina, i villaggi dell’alpinismo puntano su responsabilità individuale, capacità e sovranità, nonché sul comportamento rispettoso dell’ambiente e responsabile dei loro ospiti in montagna.

I villaggi dell’alpinismo fungono anche da modello per raggiungere l’obiettivo di uno sviluppo sostenibile nella regione alpina in armonia e, naturalmente, nel rispetto delle disposizioni di legge e dei programmi in materia.

Filosofia del turismo

In primo piano vi sono l’alpinismo in tutte le sue forme e l’esperienza consapevole e olistica della natura con le sue componenti: sforzo fisico, superamento delle difficoltà alpine, competenza e gestione dei rischi in montagna, godimento delle bellezze naturali, decelerazione.

Per i fornitori di servizi turistici locali, questo significa una particolare limitazione nello sviluppo tecnico dell’area montana.

Per la sistemazione degli ospiti si preferiscono le piccole strutture ricettive e si promuovono i fornitori basati nella regione.

I rifugi saranno conservati a lungo termine nella loro funzione di strutture ricettive ad alta quota con carattere di base e come complemento funzionale alle strutture ricettive nella valle.

Carattere e immagine dei villaggi

I Villaggi degli alpinisti prestano attenzione alla qualità delle costruzioni. In particolare, si sforzano di garantire che gli edifici e le strutture corrispondano all’aspetto tipico del luogo per quanto riguarda dimensioni, scelta dei materiali e design.

Agricoltura di montagna e silvicoltura

L’agricoltura di montagna, la gestione delle foreste e dei pascoli alpini sono di fondamentale importanza per la funzione e l’immagine dei Villaggi degli alpinisti. Si tratta di trovare un equilibrio tra le moderne tecniche di gestione, una redditività ragionevole, una condizione globale ecologicamente stabile e un paesaggio culturale armonioso dal punto di vista turistico.

L’obiettivo è stabilire uno stretto legame tra produttori e consumatori a livello locale e regionale e mantenere nel tempo la conservazione e la cura degli elementi tipici del paesaggio culturale.

L’uso turistico delle costruzioni alpine non deve mettere a repentaglio la loro funzione di guida agricola. Si presta particolare attenzione affinché non vi sia traffico motorizzato supplementare nei pascoli alpini.

Tutela della natura e del paesaggio

I Villaggi degli alpinisti si impegnano alla conservazione e riqualificazione permanente delle aree protette. I comuni si considerano partner attivi nella cura e nel sostegno di queste aree.

Mobilità / Trasporti

I Villaggi degli alpinisti desiderano attrarre specialmente quegli ospiti che vogliono raggiungere il luogo senza il proprio veicolo a motore. I comuni sono attivamente coinvolti nella manutenzione e nel miglioramento dei trasporti pubblici, prestando particolare attenzione alle esigenze degli ospiti.

Comunicazione e scambio di informazioni

I Villaggi degli alpinisti scambiano regolarmente le loro esperienze e discutono tutti i suggerimenti che ricevono dall’interno e dall’esterno.

fonte: loscarpone; bergsteigerdorfer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button