“Brothers in arms”, nuova via sul Cholatse dedicata ai francesi scomparsi

Nessuna speranza di ritrovare vivi i tre alpinisti francesi scomparsi sul Mingmo Eiger. La Gean dedica loro la via aperta sulla parete nord del Cholatse

Ritorno alla civiltà e alla dura realtà dopo 6 giorni di grande freddo e verticalità. Louis, Gab e Thomas lasciano un grande vuoto accanto a noi. Una bella via li ha attirati sulla cima vergine del Mingbo Eiger e purtroppo li ha portati via…
Dedichiamo loro la nostra ascesa e apertura verso nord del Cholatse.

GEAN

Finisce nella tragedia la spedizione del Gruppo francese d’eccellenza alpina (GEAN), gruppo della FFCAM. Non ci sono più speranze di ritrovare vivi Louis Pachoud, Gabriel Miloche eThomas Arfi dispersi sul Mingbo Eiger, Himalaya. Travolti da una valanga.

Il gruppo francese, otto persone, era in Himalaya da inizio ottobre per un alpinismo esplorativo e tecnico, con l’intento di aprire nuove vie nella valle del Khumbu. Una volta sul posto, e finito l’acclimatamento, il team di diviso in due squadre.

Gli obiettivi

Poi hanno posato lo sguardo su montagne interessanti. Anouk Felix-Faure, Gabriel Miloche, Louis Pachoud e Thomas Arfi hanno scalato la cresta sud-ovest del Cholatse (6.440 mt), mentre Stéphane Benoist, Pauline Champon, Pierrick Fine e Pierrick Giffard hanno aperto una via sulla cresta nord-est del Nare Ri Star (6.005 mt).

Uno di questi mirava, appunto, al Mingmo Eiger. Vi è stata un’ultima comunicazione col resto della squadra, via sms, poi il silenzio. Sul posto i segni di una grossa valanga. Di loro sono state trovate attrezzature e poco altro.

Il Mingbo Eiger

Poi Louis Pachoud, Gabriel Miloche e Thomas Arfi si sono diretti verso la parete ovest del Mingbo Eiger (6.070 mt), cima satellite del Kangtega. Hanno iniziato a salire il 26 ottobre. Dal bivacco in parete inviano un sms all’altro gruppo. È stato il loro ultimo contatto.

Scattano i soccorsi

Trascorrono alcuni giorni, il gruppo si preoccupa del silenzio dei ragazzi in parete e allerta i soccorsi. Un elicottero ha individuato loro tracce sino a 5.900 mt sulla cresta che porta alla vetta. Vedono anche i segni di una valanga in quella zona. Le loro tracce si perdono proprio tra i detriti della valanga.

gean

La via dedicata agli scomparsi

Il team GEAN ha fatto sapere di aver aperto una nuova via sulla parete Nord del Cholatse, l’hanno chiamata “Brothers in Arms”, in omaggio ai compagni morti.

 


LA VIA
“Brothers in Arms”,
ED, 1600m, VI, M5+, WI 5
25-29 ottobre 2021

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button