Case-vacanze, Madonna di Campiglio meta più costosa in Italia

Madonna di Campiglio è la località turistica italiana con i valori immobiliari più alti: per le abitazioni nuove la quotazione a metro quadrato ha toccato i 15 mila euro al metro quadrato, mille in più di quanti ne occorrano a Forte dei Marmi e a Capri. Tutte le località che hanno raggiunto la top ten dei prezzi hanno quotazioni che arrivano almeno a 10mila euro. Questi i risultati del Rapporto Nomisma Fimaa (la Federazione degli agenti immobiliari aderenti a Confcommercio), che presenta una novità rilevante perché Madonna di Campiglio scalza nettamente dalla piazza più alta Cortina d’Ampezzo, scesa al quarto posto, con 13.500 euro

Il Rapporto

Dopo il forte calo scaturito dalla pandemia, il mercato italiano delle abitazioni per vacanza è ripartito, sia sul versante delle compravendite sia su quello degli affitti. La conferma viene dall’Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2022 di Fimaa-Confcommercio, in collaborazione con Nomisma, da cui emerge un aumento del 41,1% delle compravendite nelle località turistiche monitorate rispetto al 2020, un dato più alto del 7,1% in confronto all’aumento medio del mercato totale. Bene, in particolare, le località marine (+43,4%), seguite da quelle montane (+35%) e da quelle sui laghi (+29,6%). Quanto al prezzo medio di acquisto, si è attestato sui 2.550 euro al metro quadro commerciale, con un aumento medio del +3,2% annuo (tra +3,7% e +5% per le case in montagna e al lago, tra +2,2% e +2,8% per quelle in riva al mare).

Anche quest’anno in cima alla classifica delle case più care c’è una località montana: come detto Madonna di Campiglio, con valori che raggiungono i 15mila euro al metro quadro, seguita da Forte dei Marmi e Capri con 14mila. Seguono, Cortina d’Ampezzo e Santa Margherita Ligure, con valori massimi compresi tra i 13mila e i 13.500 euro al metro quadro. Per quanto concerne infine gli affitti, nel 2022 i canoni di locazione aumentano del 4,8% medio su base annua grazie alla crescita dei flussi turistici. L’aumento è più forte nelle località marittime (+5,9% in media) con a ruota quelle lacuali (+5,3%), mentre i canoni medi delle località di montagna registrano un aumento molto più contenuto (+1,1%).

LocalitàPrezzi (€/mq)
Madonna di Campiglio (TN)15.000
Forte dei Marmi (LU)14.000
Capri (NA)14.000
Cortina d’Ampezzo (BL)13.500
Santa Marina Ligure (GE)13.000
Courmayeur (AO)11.000
Positano (SA)11.000
Rapallo (GE)10.500
Selva di Val Gardena (BZ)10.000
Porto Cervo (SS)10.000
Ortisei (BZ)9.100
Panarea (ME)9.000

Fonte: Nomisma e Fimaa-Confcommercio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button