C’è un orso in galleria!

Nel tratto di strada, in Abruzzo, dove pochi mesi fa perse la vita un'orsa

Avete mai visto un orso in galleria? Il tratto di strada, purtroppo, è quello dove pochi mesi fa venne investita e uccise una femmina di orso accompagnata dal suo cucciolo. Purtroppo tale tratto non ricade in territorio di protezione, né del Parco Majella né del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. In questi ultimi mesi si è cercato di correre ai ripari, ma…

Ci troviamo in Abruzzo, sulla Statale 17, tra Roccaraso e Castel di Sangro, un’arteria a scorrimento veloce.

Il Parco Majella La scorsa notte a breve distanza dal punto in cui a Natale venne investita e uccisa una femmina di orso accompagnata dal suo cucciolo un altro esemplare di orso marsicano è stato filmato all’interno della galleria sulla ss17 tra Roccaraso e Castel di Sangro.
In attesa di raccogliere ulteriori informazioni sulle cause che possono aver determinato questo comportamento da parte dell’animale si coglie l’occasione di raccomandare agli automobilismi una guida prudente e di rispettare i limiti che in quel tratto sono di 50 km ora…
Il Parco Nazionale della Majella, insieme al PNALM ha in corso il progetto Life, il SAFECROSSING, che ha proprio come finalità la prevenzione degli incidenti stradali con la fauna selvatica, specialmente quella protetta. Si tratta di un obiettivo di grande rilevanza per la conservazione della biodiversità, per la pubblica incolumità e per una corretta convivenza tra uomo e grandi mammiferi.
Anche se l’area in questione ricade fuori da quelle del Progetto, dopo l’episodio di Natale è stato deciso di estendere gli interventi previsti nel Progetto life anche su questo tratto stradale che ha già causato la morte di una femmina riproduttiva di orso, causando un danno incalcolabile alla popolazione di orso bruno marsicano e mettendo seriamente a rischio le sue possibilità di sopravvivenza a lungo termine.

 

fonte/foto: Parco Majella

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button