Chi era Roberto Ferraris, la guida alpina morta in Valtournenche

Ieri giornata nera sulle alpi. Tre valanghe, tre morti, una bolzanina sull’Alpe di Siusi, uno scialpinista sopra Alagna e una guida alpina in Valtournenche. Chi era Roberto Ferraris? Il 49enne Roberto Ferraris (originario di Ottiglio, Alessandria) era finanziere piemontese residente da 25 anni nella Valtournenche. Brigadiere capo, guida alpina e vice-comandante del  Soccorso alpino della Guardia di finanza-Sagf di Cervinia.

Ha trovato la morte ieri a causa di una valanga staccatasi alle 12,40 circa a Punta Fontana Fredda, sopra l’abitato di Cheneil a Breuil. Niente da fare! Un’oretta prima aveva telefonato ai familiari, dicendo loro di essere quasi in cima e di ridiscendere subito.  Era a 2.500 metri di quota. Trascorre una mezzoretta e Ferraris non dà più notizie. La moglie lancia subito l’allarme. Il personale Sagf a Punta Fontana Fredda avvistano il corpo del collega (era munito di rilevatore Artva).

Roberto Ferraris era esperto sciatore, professionista del soccorso in montagna, La salma è stata trasportata alla camera mortuaria del cimitero di Valtournenche; il nullaosta per il funerale dovrebbe essere concesso stamattina dalla magistratura di Aosta.

La guida alpina era molto conosciuto in zona. Lascia la moglie Chantal e due figli adolescenti.

Come detto, era molto esperto e aveva aperto anche varie vie. Una di queste con François Cazzanelli nel 2014, una via ‘mista’ sulle Grandes Murailles, battezzata ‘Banana Sprint’; lo scorso agosto aveva aperto una nuova via sulla Parete Dorata della Becca D’Aran intitolandola ‘Sao Fede’ dedicata all’amico Federico Daricou morto alcuni giorni prima sul Grand Combin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button